Cremona. Era stato selezionato per il felice evento “Artista della StagioneUlisse Gualtieri, ad esporre presso la sede di Cassa padana di via Dante, in progetto che vedeva la collaborazione tra l’Associazione Artisti Cremonesi e Cassa Padana BCC.

Ora nel cuore della città Ulisse Gualtieri, annoverato tra i soci dell’Associazione Artisti Cremonesi, espone le sue opere sino al 15 ottobre, in una mostra diffusa nelle vetrine e all’interno delle attività di via Robolotti, conosciuta coma la via dei Liutai.

– Ci avevano promesso che avremmo sentito nuovamente parlare di loro, è così che i commercianti di via Robolotti, dopo aver annunciato la loro unione in “Robolotti Big Family”, propongono la prima mostra d’arte contemporanea della stagione.- racconta Elena Dagani di Art Service.

Via Robolotti non è nuova a questo tipo di iniziative, già lo scorso anno erano state organizzate diverse mostre diffuse nelle vetrine, sempre proposte e curate da Elena Dagani e da RobolottiSei.

Dopo la ripartenza post-covid, gli stessi promotori, tornano con una nuova proposta: questa volta la scelta è ricaduta su Ulisse Gualtieri, artista locale molto conosciuto in città e sempre più apprezzato. Ulisse ha da poco chiuso una personale di successo all’Adafa ed ha colto di buon grado la proposta di “allargare” l’esposizione nel tempo: la personale durerà fino al 15 ottobre, e nello spazio: le sue opere saranno esposte sia nelle vetrine che all’interno delle attività della via.

L’idea è quella di una mostra diffusa, un format piuttosto particolare che ben si adatta alla realtà di via Robolotti e allo stile di Gualtieri. Il primo aspetto positivo di una mostra diffusa è senza dubbio quello di allargare i tempi a disposizione del visitatore, che non dovrà tenere d’occhio gli orari di apertura della mostra, ma può vederla ed apprezzarla, almeno in parte, semplicemente passando nella via dei Liutai, in qualsiasi ora del giorno e della notte. Infatti le opere nelle vetrine saranno visibili 24 ore su 24. L’altro vantaggio è quello di creare un fil rouge artistico che colleghi idealmente tutte le attività della via catturando l’attenzione dei clienti e passanti più diversi.

La novità, rispetto alle precedenti mostre, sta nel fatto che questa personale muterà nel tempo. Nel corso dei 3 mesi verranno modificati gli allestimenti delle vetrine e di conseguenza delle opere al loro interno. Periodicamente saranno esposte opere diverse, sempre dello stesso autore, e non mancheranno dipinti inediti, mai esposti prima.

– In un contesto come quello di via Robolotti – spiega la curatrice Elena Dagani – gran parte del pubblico è costituito dai clienti abituali delle attività della zona. Per questo motivo ho pensato ad una mostra mutevole, per dar loro la possibilità di ammirare un numero maggiore di opere, cambiando l’allestimento con il cambio della stagione, del clima, dei prodotti esposti nelle vetrine. Mi piaceva l’idea di una mostra in evoluzione, che non annoiasse mai, anche se ha una durata estremamente lunga. Una mostra che riserva sempre qualche sorpresa e che è in grado di stupire anche chi passa di lì ogni giorno.-

Le opere di Gualtieri rappresentano solitamente paesaggi, urbani o di campagna, oppure nature morte. Non mancano però, nella sua produzione alcune figure e altri soggetti particolari; tutte le opere manifestano un’estrema coerenza cromatica.

Originario di Casalbuttano, Ulisse abita ancora in paese con la famiglia, che da sempre lo segue e lo sostiene nella sua carriera artistica ricca di successi. Numerosissime mostre, personali e collettive, lo hanno portato ad esporre in tante città italiane e ad ottenere un successo sempre crescente.