Tempo di lettura: 2 minuti

Reggio Emilia. Una opportunità di livello internazionale nel concorso “Sideways” per giovani fotografi, promosso dal comune di Reggio Emilia e da GAI (Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani), per quarta edizione del progetto dedicato alla fotografia italiana emergente.

Sideways prevede un bando rivolto ai giovani artisti italiani under 35, con la selezione finale delle opere ritenute migliori, in relazione al tema di Fotografia Europea 2016: ” Via Emilia. Strade, viaggi, confini”.

Sette giovani fotografi italiani finalisti avranno l’opportunità di esporre un proprio progetto in una sede dedicata del circuito ufficiale nell’11° edizione del Festival Fotografia Europea, che si terrà a Reggio Emilia dal 6 maggio al 10 luglio ed entrare in contatto con i festival internazionali di fotografia Circulation(s) di Parigi e Encontros Da Imagem di Braga (Portogallo).fotografia

Il tema di Sideways, come spiega il curatore Daniele De Luigi, si connette alla pubblicazione del volume: “Esplorazioni sulla via Emilia” a trent’anni dalla sua pubblicazione. L’edizione 2016 del festival è l’occasione per riflettere sia su diversi temi suggeriti da quell’esperienza, sia sui grandi cambiamenti avvenuti nella fotografia e tuttora in atto. Resta più che mai attuale l’invito espresso allora da Luigi Ghirri a contribuire attraverso la fotografia a dare un senso a ciò che vediamo intorno a noi, accettando “la sfida della complessità” lanciata dalla società contemporanea. Titolo della mostra sarà Sideways, dove la strada è intesa, prima ancora che come luogo fisico, come un tracciato da percorrere, un’idea, un movimento mentale. È lo strumento del desiderio di scoperta e di comprensione del mondo: il tragitto inesplorato, il passaggio interrotto, il ponte che mancava.”

E’ stata inoltre presentata alla Commissione Europea, tramite l’associazione BJCEM, una proposta progettuale per offrire un’ulteriore opportunità a uno dei 7 artisti selezionati, ritenuto dallo stesso comitato il più meritevole. Si tratta di Mediterranea Youth Photo, un percorso internazionale di residenza fra Reggio Emilia, Parigi e Braga che coinvolgerà giovani artisti e operatori culturali provenienti dai paesi partner con l’obiettivo di indagare il tema del Mediterraneo. Le produzioni finali di MYP potranno circuitare fra i tre festival Fotografia Europea ed essere ospitate all’interno dell’evento internazionale BJCEM 2017 Mediterranea 18.

La partecipazione è riservata ai giovani fotografi che non abbiano compiuto il 36° anno di età. E’ possibile conoscere le modalità e i termini per la partecipazione tramite il bando, scaricabile in pdf. Le candidature dovranno pervenire entro e non oltre il 10 marzo 2016.

 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *