Tempo di lettura: 2 minuti

Legnago (Verona) – Una due giorni densa di eventi, il 20 e 21 giugno, per presentare al pubblico le attività dei volontari, mentre una meravigliosa atmosfera di festa fa da basso continuo alle parole di giovani che, con il loro entusiasmo alieno da ogni fanatismo, perpetuano la nobile virtù dell’offrirsi al prossimo, conservando una carità umana che ci è tanto più cara e preziosa quanto più s’incupiscono questi tempi delusi, dove i sentimenti sono quotati in borsa e anche gli affetti si colorano di una propria economia.

festa_legnago_2015_manifesto“Perché fate della casa del padre mio un mercato?”, direbbe un certo falegname che si fece la croce da solo. Al di là di ogni predica escatologica, questa è la domanda che ogni uomo dovrebbe porsi innanzi alla sua anima, e che tutti noi dovremmo porci quando guardiamo al mondo, che pure è un’eredità che i nostri avi morirono per lasciarci.

Molti santi con aureole di dollari predicano ai portafogli, mentre la loro anima si disfà nella miseria insieme a quella dei discepoli che ciecamente seguono le bugie del loro piffero.

Ma la paga del volontario non si quantifica in beni materiali, bensì in un sommario di esperienze e conoscenze che gli permettono una comprensione del mondo nei suoi più diversi aspetti, sviluppando la capacità di comprendere il prossimo, e l’interesse e l’empatia verso le storture dell’animo altrui, capacità che sta sempre più atrofizzandosi nell’inumanità della società che stiamo costruendo.

Se i giovani van lamentando le carenze della loro istruzione, affermando che l’unica scuola è la vita, ebbene questa è l’occasione per dimostrare che i loro propositi non sono le semplici chiacchiere e scuse di chi non s’impegna e gode, vivendo beato ed eternamente bambino, all’ombra di questa continua non assunzione di responsabilità. E lo stesso considerino anche gli adulti, perché mondo e istruzione sono debiti vostri. Non di sole critiche vivrà l’uomo.

Perché, in fondo, non è pensabile che sette miliardi di uomini sperino di sopravvivere se abitano la stessa terra senza coltivare una minima comune amicizia di specie, anzi, rigettando il dolore e l’odio che li rodono sulla fragilità del prossimo.

 

Sabato 20 giugno
18.00 S. Messa di inaugurazione con il Vescovo S.E. Mons. Giuseppe Zenti
Duomo di Legnago

Domenica 21 giugno

10.00 Apertura punti di esposizione delle associazioni
Cortile Cassa Padana e via Duomo

16.30 Concerto Stage Mood (Soul Funky Jazzy)
Cortile Cassa Padana

17.00 Happy hour: tanti volontariat…i per i giovani: opportunità, proposte e iniziative sul territorio e in giro per il mondo coordinate dal CSV di Verona
Cortile Cassa Padana

18.00 Concerto Stage Mood (Soul Funky Jazzy)
Cortile Cassa Padana

21.00 Concerto Il barbiere di Siviglia raccontato dai ragazzi del Progetto Ragazzi all’Opera, direzione artistica Massimo Santaniello
Piazza della Libertà

CONDIVIDI
Enrico Frosio
Studente al quarto anno di liceo presso l'IIS Capirola di Leno, si diletta nella scrittura. Vincitore della XX ed. premio letterario "Il Corvione" nella categoria poesia giovani/adulti e del premio Linetti 2014 nella categoria poesia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *