Brescia. L’atto creativo di uno Chef si fonda sulla ricerca di novità e di bellezza, dosando prodotti, territori, saperi, sapori, colori, in una danza entusiasmante, ma di ritmo difficile. . La mostra Backstage. La vita dietro ad un piatto di Nicolò Brunelli al Macof di via Moretto, dal 16 dicembre al 19 gennaio, con inaugurazione: lunedì 16 dicembre alle ore 18. Racconta questo complesso e affascinante retroscena: lo sforzo quotidiano della creatività, che si cela dietro al piatto.

Backstage. La vita dietro ad un piatto fa dunque emergere le tante sfumature che portano lo Chef-creatore al momento del “pass”, quando questo mix di sforzi, ricerca e sacrificio è al culmine del suo percorso e il piatto è pronto per essere servito. Riunisce assieme realtà e idee differenti, componendo un’unica storia, quella della Cucina italiana e rivelando però nello stesso tempo l’identità dello Chef e del suo ristorante.

La vita dietro a un piatto” è una mostra personale di Nicolò Brunelli, fotografo. Obiettivo della mostra è ritrarre il backstage quotidiano che uno Chef vive “dietro al piatto”, ovvero lo sforzo quotidiano della creatività, le fasi elaborative che vanno dal concepimento del piatto alla sua preparazione, la difficoltà della ricerca e del reperimento di materia prima di qualità, i rapporti con la brigata e nella brigata. Il piatto è solo il culmine di un grande sforzo poliedrico, che spesso è celato ai clienti del ristorante e di cui, questa mostra, vorrebbe invece celebrarne il retroscena.

La mostra fotografica vuole anche avere un approccio innovativo, portando la classica idea di cucina al di fuori del suo spazio naturale e “musealizzandola”, cioè elevandola agli altari dell’Arte per farla icona di sacrificio, scelta di vita, espressione artistica. La mostra riunisce assieme realtà e idee differenti, con lo sviluppo di “micro racconti” che andranno a comporre un’unica Storia: quella della Cucina Italiana. Dal prodotto grezzo al piatto finale, in un percorso sconosciuto ai più, o difficile da assaporare nel quotidiano.

Le stampe fotografiche sono realizzate in fine art a pigmenti naturali su carta fatta a mano Toscolano 1381, misto cotone: riproduzioni uniche, artigianali, da collezione ed ecosostenibili

Nicolò Brunelli nasce nel 1986 a Salò, sulle sponde del lago di Garda. La sua attività artistica prende piede già in giovane età, quando a 14 anni inizia a frequentare l’Istituto d’Arte di Gargnano, sviluppando gusto estetico ed amore per l’arte. Decide quindi di approfondire il percorso artistico iscrivendosi al corso di Scenografia per il Teatro presso l’Accademia LABA di Brescia