Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Le attività celebrative per il rientro della Vittoria Alata in città non si fermano: da sabato 21 novembre è stato emesso un francobollo ordinario, a cura del Ministero per lo Sviluppo Economico, appartenente alla serie tematica Il Patrimonio artistico e culturale italiano, recante l’immagine stilizzata della Vittoria Alata.

vittoria alata _PROVINO

La Fondazione Brescia Musei, presieduta da Francesca Bazoli e diretta da Stefano Karadjov, è lieta di annunciare che il viaggio della Vittoria Alata non si conclude con il ritorno al Capitolium di Brescia, ma continua sulle buste e sulle cartoline. La sua immagine diventa messaggera d’importanti comunicazioni, di missive d’amore o di semplici saluti.

Il francobollo ordinario reca l’immagine stilizzata della statua bronzea di epoca romana che è stata protagonista del grande restauro ad opera dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. La Fondazione Brescia Musei insieme al Comune di Brescia, ha infatti realizzato nell’ultimo biennio un imponente intervento conservativo e ad esso ha affiancato un progetto artistico culturale molto ambizioso che culmina con la ricollocazione della Vittoria Alata nel Tempio capitolino della città in un nuovo spettacolare allestimento realizzato da Juan Navarro Baldeweg, con il supporto della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Province di Bergamo e Brescia e il sostegno della Regione Lombardia, oltre che dagli enti promotori, Fondazione Brescia Musei e Comune di Brescia.

La vignetta del francobollo, realizzata da Paolo Tassinari per lo Studio Tassinari-Vetta, raffigura la Vittoria Alata in grafica stilizzata nella caratteristica identità visiva che ha costituito nell’ultimo biennio l’abito iconografico della scultura in trasformazione nel corso del restauro. Completano il francobollo la legenda “Vittoria Alata” e “Brescia 2020”, oltre  alla scritta “Italia” e all’indicazione tariffaria “B” pari a €1,10.

Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in tiratura trecentomila esemplari. L’emissione di un francobollo ordinario da parte del Ministero per lo Sviluppo Economico sancisce dunque l’importanza di un avvenimento, com’è quello del ritorno della Vittoria Alata, che riveste grande rilievo a livello nazionale. Per l’occasione è stata realizzata una cartella filatelica in formato A4 a tre ante, contenente il francobollo singolo, la quartina di francobolli, una cartolina affrancata ed annullata e una busta primo giorno.