Tempo di lettura: 2 minuti

Bergamo. Avisco, Associazione per la ricerca, la sperimentazione e l’aggiornamento sugli audiovisivi in ambito scolastico e socio-educativo con sede a Brescia, organizza dal 18 al 22 luglio un laboratorio audiovisivo rivolto a ragazzi e ragazze tra gli 11 e i 14 anni. Il laboratorio “Sguardi in macchina” si terrà presso gli spazi laboratoriali dell’Accademia Carrara di Bergamo, Piazza Giacomo Carrara, 82, Bergamo. Un’occasione per i più giovani per avvicinarsi al cinema e alla realizzazione di video.logo

Tema del laboratorio: il ritratto, che rappresenta uno dei generi più antichi e più affascinanti della storia dell’arte. Le tappe della sua evoluzione documentano, attraverso i secoli, la diversa posizione dell’uomo in rapporto al mondo che lo circonda, il suo posto nella società, la sua volontà e capacità di lasciare traccia della propria individualità.

Partendo da un percorso di lettura guidata dei ritratti della collezione dell’Accademia Carrara, ogni partecipante realizzerà il proprio ritratto in video, per raccontare qualcosa di se stesso ispirandosi da una parte alla ritrattistica tradizionale e dall’altra ai videoritratti di Robert Wilson, artista acclamato a livello internazionale e considerato il massimo rappresentante avanguardista della direzione scenica. La metodologia utilizzata prevede il coinvolgimento attivo del ragazzo in un’esperienza di creatività, ricerca e scoperta condivisa dai Servizi Educativi dell’Accademia Carrara.

I videoritratti possono sembrare, ad un primo sguardo, tradizionali ritratti statici, ma nel momento in cui i soggetti compiono una semplice azione, un piccolo movimento, un battere di ciglia, un colpetto con il piede, l’esperienza della percezione cambia radicalmente: ciascuna opera contiene infinite storie ed innumerevoli informazioni e diventa una breve “biografia visiva” di chi è ritratto e, nell’insieme, del nostro tempo.

Come scrive Robert Wilson, regista e drammaturgo, «Credo che queste opere possano essere viste in numerose situazioni: in un museo, alla fermata della metropolitana, mentre si è in coda all’aeroporto. Potrebbero essere sul quadrante di un orologio da polso, in televisione, oppure un’immagine nella vostra casa, appese a una parete. Possono essere nella cornice di un camino, al posto del fuoco. Su una parete di casa, come una finestra, una finestra che ci mostra un altro mondo. È qualcosa di molto personale. Si tratta di un documento del nostro tempo. Sono ciò che io chiamo ritratti

Iscrizioni: rivolto a: ragazzi e ragazze tra gli 11 e i 14 anni
Dove: Spazi laboratoriali dell’Accademia Carrara di Bergamo, Piazza Giacomo Carrara, 82, Bergamo
Quando: dal 18 al 22 luglio – 5 incontri pomeridiani di 3 ore (15.00 – 18.00)
Costo: 50 euro (IVA compresa)
Per iscrversi inviare una richiesta via mail a formazione@bergamofilmmeeting.it oppure telefonare allo 035 363087 (dal lunedì al venerdì dalle 10:30 alle 19)

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *