Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. “È gelida l’acqua. Mi entra nelle ossa. Non riesco a liberare la stazza dall’acqua. Uso tutta la mia forza e la mia agilità ma la lancia resta piena. E cado. Ho paura. È notte fonda e fa freddo. Siamo a quaranta miglia da Lampedusa e, se non riesco a farmi sentire subito, mi lasceranno qui e sarà la fine. Non voglio morire così. Non a sedici anni…

Ciò che non potevo sapere allora è che non solo quella notte sarebbe rimasta per sempre impressa nella mia mente ma che la mia esistenza sarebbe stata segnata da un mare che restituisce corpi e vite e che sarebbe toccato proprio a me salvare quelle vite e toccare per ultimo quei corpi.”

Le parole sono tratte dal libro di Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa, grande esempio di coraggio e impegno civile, ospite lunedì 9 ottobre alle ore 17.30 presso la sede provinciale Acli in via Massaia 22  Cremona.

Il dott. Bartolo presenterà il suo libro scritto insieme alla giornalista Lidia Tilotta: “Lacrime si Sale.” La storia quotidiana di un medico di Lampedusa fra dolore e speranza per riscoprire l’umanità nostra e delle migliaia di immigrati che ripongono le loro vite nelle nostre mani. Con interventi dei medici volontari di “Gruppo articolo 32” onlus di Cremona.

Un testo che alterna racconti autobiografici a storie di migranti che sbarcano sull’isola e che Pietro Bartolo cura cercando di ridare loro un nome, un volto e una speranza anche se i loro corpi sono sfiniti e affranti. Un libro carico di dolore, speranza e grande umanità. Che a noi, immersi nei nostri problemi quotidiani, chiede di aprire gli occhi, di non chiuderci nell’indifferenza o nel rifiuto, ma di “restare umani.”

Pietro Bartolo, da sempre in prima linea nel soccorso ai migranti nel poliambulatorio di Lampedusa si è meritato numerose onorificenze, tra cui il titolo di «Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana» conferitogli dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il premio Sérgio Vieira de Mello (Cracovia 2015) e il premio Don Beppe Diana.

E’ protagonista di Fuocammare, documentario del 2016 diretto da Gianfranco Rosi, premiato con l’Orso d’oro al Festival di Berlino, che ha per oggetto l’isola di Lampedusa e gli sbarchi di migranti che la interessano.

L’incontro è promosso dal comitato cremonese della campagna Ero Straniero. l’Umanità Che Fa BeneAcli, Arci, Articolo 32, Asgi, Associazione Immigrati Cittadini, Associazione Donne Senza Frontiere, Caritas, Cisvol, Forum Provinciale Terzo Settore, Cooperativa Nazareth, Cooperativa Non Solo Noi, Git Banca Etica, Legambiente, Libera, Movimento Federalista Europeo Coordinamento Democrazia Costituzionale