Tempo di lettura: 2 minuti

Comacchio, Ferrara. L’anguilla per 3 weekend, dal 29 settembre al 15 ottobre, sarà la regina della laguna e del Parco del Delta del Po, protagonista di ricette, degustazioni ed escursioni. Alla brace o marinata, ci sono tanti modi di cucinare l’anguilla nelle Valli di Comacchio, il simbolo della cultura gastronomica della città del suo territorio sospeso tra terra e acqua, viene celebrato con la 19esima edizione della Sagra dell’Anguilla.

Dal 1999, ogni ottobre, la città lagunare ospita l’annuale sagra dedicata all’anguilla: evento principe, nella miglior cornice possibile, fatta d’acqua e di ponti monumentali in cotto e pietra d’Istria, per rendere omaggio alla regina indiscussa delle sue Valli. Ogni anno, identità e storia locale riempiono di significati il centro cittadino. I piatti di pesce, preparati presso lo stand gastronomico e presso i ristoranti del centro, a conferma della tradizione di sapori negli uni e della volontà di sperimentazione negli altri, ricordano antichi saperi e storie millenarie.

A Comacchio, la Sagra dell’Anguilla trova la sua migliore espressione. E non poteva essere altrimenti, tra i canali del centro storico e l’adiacente laguna, che inscena uno spettacolo d’arte varia, tra i colori del cielo e le luci dell’acqua, tra i suoni della natura e il fascino della cultura popolare.

Le valli da pesca sono da considerarsi il più naturale dei paesaggi antropici e il più antropizzato degli ambienti naturali. Nei secoli, per favorire la pesca, le opere di trasformazione dell’ambiente e di manutenzione delle infrastrutture sono state incessanti: canali, argini, chiuse idrauliche, lavorieri per la cattura dell’anguilla, casoni di valle, i luoghi di rifugio e di lavoro per le centinaia di comacchiesi abituati a vivere in simbiosi con un ambiente estremo e isolato. Attorno alla pesca, alle valli e all’anguilla, si è venuto a creare un vero e proprio habitat sociale, insieme ad attività artigianali e manifatturiere uniche e peculiari.

La Sagra dell’Anguilla ha un programma ricco di degustazioni, escursioni tra i canali e la natura rigogliosa di specchi d’acqua ed uccelli rari del Delta del Po, attività dimostrative di pesca dell’anguilla e tante gustose ricette attendono i buongustai per 3 weekend d’autunno. Un mondo affascinante da scoprire, un’immersione tra riti marinari autentici, frutto della connivenza millenaria tra l’anguilla, il suo habitat naturale e l’originaria lavorazione artigianale.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *