Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. A vent’anni dalla prima edizione, torna a Cremona, dal 22 settembre al 27 ottobre, la X Rassegna Internazionale di Incisione, denominata “L’Arte e il Torchio” allestita al Centro culturale “Santa Maria della Pietà” in piazza Giovanni XXIII. Una biennale ad invito, promossa dall’Associazione Incisione Senza Confini, l’inaugurazione si terrà domenica 22 settembre alle 16.30. Seguirà un intermezzo musicale a cura della violinista Sara Dionisia Zeneli.

Nel corso degli anni, la Rassegna cremonese è stata un luogo d’incontro fra culture e personali visioni del mondo, uno spazio dove si superano barriere e confini, un approdo comunicativo fra gli artisti e il pubblico, che può vivere, attraverso la visione delle opere, le emozioni e la magia di un pensiero che travalica la quotidianità e rende visibile l’invisibile.

Ben quattro le mostre allestite nella stessa sede di Santa Maria della Pietà:

Rare editions riguarda la sezione storica dedicata al novecento, che comprende pregiate edizioni d’arte, con testi di gongora, cocteau, paulhan e altri, illustrate con incisioni originali da alcuni grandi maestri del ‘900, tra i quali picasso, mirò, braque, masson, buffet, ecc., per la maggior parte realizzate nel famoso atelier lacourère-frélaut di montmartre, parigi, provenienti da importanti collezioni private.

Nuovi approdi è il titolo dell’esposizione che presenta un piccolo ma significativo panorama delle nuove ricerche e delle tendenze in atto in ambito incisorio, attraverso una selezione di quarantasette opere di medio e grande formato di ventiquattro artisti italiani e stranieri segnalatisi per la qualità e l’originalità della loro ricerca grafica.

Incisione italiana under 35 raccoglie quaranta lavori realizzati con tecniche incisorie tradizionali e innovative da venti fra i più interessanti giovani autori emergenti provenienti da varie regioni italiane, invitati da una apposita commissione.

Infine, col titolo Ex Libris 500° Leonardo da Vinci, viene proposta una preziosa collezione di piccole grafiche ed ex libris dedicati alla figura e all’opera di uno dei più grandi geni del rinascimento, nel 500° anniversario della morte (1519-2019), realizzati per l’occasione. Mostra in collaborazione con l’AIE-Associazione Italiana Ex Libris.

Come nelle precedenti edizioni, il laboratorio didattico accoglierà i visitatori e le scolaresche, che potranno partecipare a lezioni pratiche con la possibilità di realizzare proprie matrici che saranno poi stampate al torchio calcografico. Catalogo a colori italiano e inglese e proiezioni video su alcune tecniche incisorie. Anche quest’anno, la maggior parte dei lavori esposti, donati dagli stessi artisti, rimarranno a Cremona ed entreranno nella Collezione d’arte grafica contemporanea del Museo Civico “Ala Ponzone”.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *