Tempo di lettura: 2 minuti

Fiorenzuola, Piacenza. Smile, emoticons, abbreviazioni sono espressioni che hanno rivoluzionato il mondo della comunicazione sociale nelle chat e gli SMS, o forse l’hanno resa più frettolosa e sterile.

Ad oggi se una persona è triste o se una persona è felice basta uno smile o una abbreviazione per esternarlo in codice, una volta si usavano anche per risparmiare nei caratteri degli SMS, adesso però vengono utilizzati anche nelle APP di messaggeria.
Il gesto della carta e penna per scrivere veramente un pensiero sembra archiviato, fuori tempo.

Ma non per tutti, in un bar di Fiorenzuola, dove alcuni volontari del caffè letterario erano soliti ritrovarsi a bere il caffè, è partita una contro tendenza si chiama: “ lascia un pensierino al bar”. “Praticamente mentre sorseggiavano la bevanda scrivevano su dei post it alcuni pensierini poetici con qualche disegnino.” raccontano. Una simpatica sorpresa per chi avrebbe occupato quel tavolo dopo di loro.

Ma non è una controffensiva ai social, anzi chiunque lascerà un proprio pensierino in qualunque bar del mondo se vuole potrà fotografarlo e pubblicarlo sul gruppo facebook  Caffè Letterario di Fiorenzuola  Uqbar

Caffè Letterario è al bar dell’ospedale, a cura del gruppo di lettura della biblioteca. “Abbiamo scelto di fare il caffè letterario presso l’Ospedale di Fiorenzuola” raccontano  “perché questo luogo è il centro nevralgico del paese e dei comuni limitrofi, un luogo al servizio della salute dove la cultura e l’arte possono dare un loro contributo sia a chi è ricoverato che a chi semplicemente ama queste discipline.” Tutte le iniziative sono gratuite e aperte a tutti

Info biblioteca 0523.983093 [email protected]