Padernello, Brescia. “Lasciami venire con te” è un progetto teatrale a cura di quattro artisti bresciani con il sostegno della Fondazione Castello di Padernello, debutta al Castello di Padernello giovedì 30 e venerd’ 31 luglio alle ore 21,30, con la regia di Giacomo Andrico. Posti disponibili: 30.

Lo spettacolo è itinerante, si svolgerà interamente all’aperto e prevede una passeggiata serale in mezzo alla natura di circa 30 minuti, si consigliano pertanto calzature adeguate. Punto d’incontro sarà il piazzale della Chiesa parrocchiale di Padernello. L’azione teatrale verrà realizzata nel rispetto delle normative vigenti in relazione alle disposizioni anti contagio.

Nel corso del lockdown, durante il fermo generale, la chiusura dei teatri e di ogni tipo di manifestazione culturale e artistica, forte è stata l’esigenza da parte del gruppo di artisti che ha lavorato al progetto di rispettare il silenzio che in questo territorio ha circondato migliaia di case, di famiglie, di persone che non hanno potuto condividere i propri lutti, non hanno avuto la possibilità del saluto finale, dell’addio.

Questo silenzio ha segnato profondamente il senso di comunità, di condivisione e forse anche di processo creativo. Da qui nasce l’esigenza da parte di questi artisti – oltre allo scenografo e regista Giacomo Andrico, sono coinvolti nell’ideazione del lavoro le attrici Giuseppina Turra ed Elena Strada e il compositore Claudio Smussi – di scavare nelle radici della letteratura e della storia per indagare l’atto della sepoltura nel suo valore più umano, animale e restituirlo alla sua natura collettiva.A partire da testi di Sofocle, Ghiannis Ritsos, Thomas Stearns Eliot, da suggestioni provenienti dal mondo dell’arte visiva, della musica e della filosofia, è nata così un’azione teatrale itinerante attorno al Castello di Padernello, luogo simbolico di un territorio fortemente colpito dalla pandemia, che vuole accompagnare lo spettatore all’interno di un processo visivo, sonoro, esperienziale ed emotivo che ruota attorno a quella dimensione che coinvolge tutti, ma che nessuno può realmente conoscere. Un saluto finale, un percorso in mezzo alla natura e ai suoi silenzi, un gesto collettivo necessario, ma anche un passaggio, una festa, un inno di rinnovamento.

Quarta Dimensione è un gruppo di artisti bresciani nato in questo momento di complessità e incertezza, di cui il nucleo centrale è composto dallo scenografo e regista Giacomo Andrico, le attrici Giuseppina Turra ed Elena Strada e il compositore Claudio Smussi. Questi artisti si sono uniti per dare spazio alla ricostruzione, per iniziare a progettare insieme nuove modalità di rappresentazione, per condividere pensieri e visioni e ridefinire l’arte come dimensione necessaria all’interno di una società.