Tempo di lettura: 2 minuti

Mi scrive Laura ’75, femmina, si presume 30 anni, mano destra

grafo_laura75

Osserviamo questa grafia: la sua estetica, la sua ricerca di armonia…ma anche la sua riottosità nel conquistarla. Ci sono, qui, segni più che a contrasto tra loro, ma comunque, collegati e inscindibili.

Sarebbe interessante conoscere l’iter di vita dei primi anni, preadolescenziali, di Laura ’75, per incasellare e meglio comprendere le sfaccettature della sua personalità, così complessa e contraddittoria, soprattutto per quanto riguarda la relazione con i genitori (la madre in particolare).

Ad una femminilità che vorrebbe essere dolce (ma non sempre riesce) si oppone una forte conflittualità con la figura materna in particolare e femminile in generale. Il senso dell’IO è forte, e si caratterizza e si esplica anche con una punta di alterigia: ma contrasta con il tratto che indica : “Desiderio di accettare e di essere accettati” che si riscontra in ogni rigo.

Vediamo, in sequenza, le varie caratteristiche di Laura ’75, sperando di dare una schiarita a quelli che sono i suoi interrogativi su se stessa:

  • Incapacità di amare, senza un substrato spirituale, con sensi che si accalorano con lentezza. “Il substrato spirituale” è importantissimo per Laura ’75, in ogni rapporto, affettivo, lavorativo, casuale. Vi è, in lei, un notevole rifiuto per tutto ciò che è ruvido, materialistico, volgare, grezzo.
  • Inclinazioni professionali più per la libera indipendenza, che per lo stare sottoposta, o comunque in “obbedienza” a qualcuno. Vi è un tratto che indica, esattamente: “lieve sopravvalutazione del proprio modo di pensare” (il che significa che non è il pensiero di per sé, o la conclusione dello stesso, ma la modalità con cui si agisce, dopo il pensiero , che viene sopravvalutata); lieve danneggiamento dell’autocritica e dell’autorettifica, per preconcetti inerenti il prestigio; in caso di contrasto, esigenze di soddisfazione per la riconciliazione; tendenza ad EMERGERE; tendenza a rifiutare atteggiamenti di umiltà
  • Ingegnosità e capacità di cogliere gli escamotages per arrivare ad un obbiettivo prefissato, con eccezionali strategie
  • Ottimale capacità di discernimento, a volte obnubilata dal senso dell’Io
  • Rara capacità di apprendimento: Laura ’75, se vuole, può apprendere qualsiasi cosa, in ogni campo
  • Meticolosità, con tendenza a chiedere più e più volte la medesima cosa, in situazioni analoghe o nella stessa situazione. Questo è dovuto ad una base di insicurezza, di ansia che può derivare dal rapporto con le figure genitoriali
  • Estetica richiesta a sé, ma pure agli altri.

disegni_laura75

Estremamente significativi sono, a questo proposito, oltre ai tratti grafici, i disegni che mi sono stati inviati: Armoniosi, ma non personalizzati; schematici e belli nella loro semplicità di “MANDALA”.

Il “mandala” è una figura sacra, rappresenta il tutto, il mondo, la vita. Ogni elemento che lo compone è basato sulla “umanità individuale”.
In sintesi, è la conferma dell’idealismo insito in Laura ’75.

Quanto alla domanda sulla variazione scrittoria, quando si cambi il mezzo scrivente, essa è nella norma. Quale che sia il mezzo scrivente, restano, comunque, le caratteristiche di base della personalità .

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *