Tempo di lettura: 2 minuti

Breno (Brescia) – La parola slow food l’anno scorso ha compiuto 30 anni. Era nata nello stesso periodo in cui un signore piemontese, appassionato di buona tavola e ambiente, si inventava un movimento chiamato Arcigola che, sotto il simbolo lento e sicuro della chiocciola, ha fatto tanta strada sia in Italia che nel mondo.

Era il 3 novembre 1987 quando Il Gambero Rosso, all’epoca supplemento settimanale del quotidiano il Manifesto, pubblicava il Manifesto Slow-Food.

Un inserto che ha aperto una strada. E un mondo. E firmarlo c’era quel signore piemontese, Carlo Petrini. Poi Stefano Bonilli, fondatore del Gambero Rosso, il direttore Valentino Parlato, il futuro premio Nobel Dario Fo, il mitico Francesco Guccini, la scrittrice Gina Lagorio, Ermete Realacci di Legambiente, il fumettista Sergio Staino.

Un movimento, un simbolo, una follia che nascono in reazione all’apertura di un fast food McDonald’s in pieno centro di Roma, a piazza di Spagna.

Un movimento e un manifesto “contro coloro, e sono i più, che confondono l’efficienza con la frenesia, proponiamo il vaccino di un’adeguata porzione di piaceri sensuali assicurati da praticarsi in lento e prolungato godimento. Da oggi i fast food vengono evitati e sostituiti dagli slow food, cioè da centri di goduto piacere. In altri termini, si riconsegni la tavola al gusto, al piacere della gola. (…) Se poi si reclamassero gli slogan a tutti i costi, certo non mancherebbero: a tavola non si invecchia, per esempio, sicuro, tranquillo, sperimentato da secoli di banale buonsenso. Oppure: lo slow-food è allegria, il fast-food è isteria. Sì, lo slow food è allegro!».

Da quei giorni Carlo Petrini e il suo Slow Food non si sono mai fermati. E l’appassionato piemontese è instancabile a portare il verbo in giro per l’Italia.

Questa sera sarà ospite a Breno per parlare di buone pratiche, di ambiente, comunità, terra, futuro. Con lui ci saranno Oliviero Valzelli, presidente Comunità Montana di Valle Camonica e Simona Ferrarini, assessora cultura Comunità Montana di Valle Camonica.
A moderare sarà Pierangelo Milesi, presidente Acli Provinciali Brescia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *