Tempo di lettura: 2 minuti

Mantova. Arrivano alla Dispensa Contadina, la bottega dei prodotti di fattoria del Consorzio Agriturisitico Mantovano, in Strada Chiesanuova n.8, le arance biologiche della Coop Beppe Montana di Catania.

Sono le arance maturate sugli alberi di Libera Terra, provengono dai terreni confiscati alla mafia,  e oggi recuperati e gestiti dalla Cooperativa Beppe Montana di Lentini. Sono di qualità cultivar Tarocco e quindi  perfette sia da mangiare che da spremere, hanno certificazione biologica con buccia edile che le rende adattissime ad essere trasformate in marmellate e mostarde.Saranno disponibili dal prossimo week end del 26 e 27, si possono prenotare nei seguenti modi: chiamando lo 0376 32 48 89, inviando una mail a info@agriturismomantova.it  o compilando il modulo online

Nel mese di Giugno 2010 nasce la prima cooperativa di Libera Terra su terreni delle province di Catania e Siracusa: è intitolata al Commissario Beppe Montana, il commissario catanese ucciso da Cosa Nostra a Palermo nel 1985.

La nuova cooperativa aderisce all’associazione Libera, e si aggiunge ai progetti già attivi in provincia di Palermo e alle aziende su beni confiscati in Calabria e Puglia. Quattro giovani soci lavoratori, selezionati per bando pubblico curato dalle Prefetture di Catania e Siracusa in collaborazione con Libera, gestiranno 95 ettari sui Comuni di Belpasso, Ramacca, Motta Sant’Anastasia e Lentini, con il supporto del Consorzio Etneo per la Legalità e lo Sviluppo.

Terre e strutture appartenute alla famiglia dei Riela (nella provincia di Catania) e del clan Nardo (nella provincia di Siracusa) e ai loro fiancheggiatori, provenienti da confische esecutive della fine degli anni Novanta, per appezzamenti rimasti a lungo inutilizzati, ora ceduti in comodato d’uso dai suddetti comuni, che ne manterranno la proprietà.Una cooperativa sociale di tipo B, costituita come le altre del progetto Libera Terra per almeno il 30% da soci lavoratori svantaggiati. I terreni sono coltivati in regime biologico, secondo le rispettive vocazioni tradizionali: dall’agrumeto, all’uliveto, dall’ortiva al seminativo. Prodotti come olio, arance, conserve e farina saranno commercializzati col marchio Libera Terra, nel segno della creazione di opportunità di lavoro regolare e di produzioni di qualità, espressioni della ricchezza produttiva del territorio.

Da alcuni anni le arance della legalità sbarcano alla bottega del Consorzio Agriturisitico Mantovano, che gestisce una bottega che tratta di prodotti unici che non si possono trovare nei circuiti commerciali, frutto di antichi saperi e di tradizioni familiari contadine tramandate da generazioni.  Il Consorzio agrituristico mantovano intraprende da anni un’azione di promozione dei prodotti di fattoria locali, per farli conoscere ad un pubblico sempre più esigente ed attento in merito alla qualità e alla sicurezza alimentare.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *