Casalmaggiore, Cremona.  Un mondo sottosopra, fatto di poesia e leggerezza, di viaggi e di nuove scoperte, percorso da venti d’Oriente e intessuto di suggestioni fiabesche che arrivano da lontano, “Le immagini della fantasia“: quest’anno per la prima volta la più ricca esposizione italiana dedicata al libro illustrato per l’infanzia, ospite al Museo Diotti, dal 31 marzo al 1 maggio.

Rappresenta una selezione della grande e celebre Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia di Sàrmede, giunta nel 2017 alla 35° edizione. Inaugurazione sabato 31 marzo  alle ore 17.

La mostra, a cura di Monica Monachesi, è nata grazie a Štěpán Zavrel, artista boemo nato a Praga nel 1932 e scomparso proprio a Sàrmede nel 1999, dopo aver reso questo piccolo centro della provincia di Treviso un vero e proprio “paese delle fiabe”, punto di incontro per illustratori di tutto il mondo, sede di corsi e di una mostra annuale che è diventata un evento frequentatissimo dalle scuole e dalle famiglie, oltre che dagli operatori del settore.

La sua è una storia di speranza, sofferenza e rinascita che lo accomuna a milioni di esseri umani oggi in cerca di salvezza da guerre, persecuzioni e miseria, trasformando la sua testimonianza ed il suo lascito in un messaggio di grandissima attualità.

Il fenomeno della migrazione è per l’appunto uno dei temi trattati dalla sezione della mostra ospitata a Casalmaggiore, una collettiva con le tavole originali e i libri di 31 autori internazionali, con l’obiettivo di dare visibilità ai linguaggi attuali dell’illustrazione e cercando di cogliere l’esemplarità del percorso creativo di ogni autore nel contesto mondiale.

Con questa mostra il Museo Diotti conferma la sua forte vocazione didattica e intende contribuire alla ricostruzione di una cultura dell’immagine, atto comunicativo centrale che connota, interpreta e ricrea un testo.