Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. C’è un fascino intramontabile nelle leggende popolari, rapiscono lo stupore dei fanciulli e in un qual modo affascinano lo scorrere della vita di ognuno, difficile liberarsene. Forse perché cercano spesso di dare delle risposte o di spiegare dei fenomeni fisici incomprensibili, o di tramandare fatti storici, spesso di dare anche un senso a  caratteristiche del paesaggio apparentemente fuori luogo od inquietanti.

Il luogo deputato ad essere per vocazione scrigno della leggende della Bassa Bresciana è il castello di Padernello, che già per la sua affascinate architettura rimasta miracolosamente illibata è una leggenda. Fino al 10 marzo prossimo, per 5 domeniche nel maniero quattrocentesco tornano anime erranti e spiriti lunari, in un viaggio tra narrazione e teatro per tutta la famiglia.

Racconti le cui origini si perdono nella notte dei tempi ed hanno tra i loro scopi quello di creare una continuità storica nella comunità, o rievocare quel teatro contadino, le semplici storie che riempivano le sere nelle stalle fra l’alito delle vacche, gli occhi sgranati e le bocche aperte dei figli dei braccianti che ascoltavano il cantastorie  fra le braccia delle madri che filavano il lino nelle sere d’inverno.

Eleganti signore, spiriti lunari, anime erranti popolano il castello di Padernello per far rivivere a grandi e piccoli il mondo delle leggende che un tempo erano narrate tra le antiche stanze del maniero, che domina con il suo fossato la Bassa Bresciana.

In un’epoca abitata da dame e cavalieri, erano le persone più umili, spesso della servitù, a tramandare la preziosa tradizione orale fatta di storie e di racconti fantastici, che ora riprendono vita tra gli affascinanti ambienti dell’imponente castello quattrocentesco.

Per cinque domeniche i bambini accompagnati da amici e genitori potranno partecipare alle “Leggende al Castello di Padernello”, un’iniziativa curata dall’attrice Sara Manduci sulla base delle leggende della Bassa Bresciana sapientemente raccolte da Gian Mario Andrico e illustrate da Nadia Sayed Ali.

Un viaggio tra narrazione e teatro, fra misteri e arcani, arricchiti dal fascino dei luoghi del maniero, prezioso con le sue opere d’arte, i soffitti affrescati, i mobili di artigianato, le stanze che raccontano di diversi periodi storici. E chissà se tra gli spiriti rievocati nel castello si potrà ancora scorgere la Dama Bianca, che secondo una leggenda torna a visitare il suo maniero ogni 10 anni, presentandosi nello scalone d’onore con in mano un libro d’oro contenente un segreto.

Gli eventi delle “Leggende al Castello di Padernello” sono ideali per bambini dai 6 ai 13 anni.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *