Tempo di lettura: 1 minuto

Brione, Val Trompia, Brescia. “Una mela al giorno toglie il medico di torno” un motto che si adatta benissimo ai coriacei abitanti della Val Trompia, che tra campi coltivati, mucche al pascolo, orto e miniere, ci aggiungevano la coltivazione dei frutti, specialmente mele, che a primavera riempivano la valle di fiori e che in inverno venivano conservate e consumate sino alla primavera.

Giunta alla quarta edizione, la Sagra delle Mele di Brione ritorna il 13, il 14 e il 15 ottobre, al fine di valorizzare la storia e le tradizioni del nostro paese, attraverso il recupero della coltivazione del melo e la promozione delle specificità locali. È una manifestazione molto attesa poiché  unisce le bellezze ambientali, la ricchezza del verde, i paesaggi incantevoli ed i percorsi naturalistici, alle iniziative culturali, come  la mostra etnografica, il concorso a tema, le attività didattiche, i laboratori creativi, gli intrattenimenti musicali e folcloristici.

A tutto questo si aggiungono i sapori della buona cucina con i piatti a tema, i prodotti tipici di un territorio da scoprire, senza dimenticare la laboriosità della gente e il contatto umano con persone semplici, genuine e spontanee. Tutta la comunità sarà coinvolta nella realizzazione di questa importante festa e nell’accoglienza dei visitatori. Ringrazio di cuore tutti i volontari che collaboreranno e coloro che parteciperanno all’insegna del divertimento, dell’amicizia e della salute, in linea col famoso motto “Una mela al giorno toglie il medico di torno”.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *