Rovigo – Sesta edizione del Jazz Nights at Casalini’s garden 2019 – Memorial Marco Tamburini. Il festival prevede quattro serate, tra il 28 giugno e il 18 luglio, con esibizioni di grandi interpreti e allievi del Dipartimento Jazz del Conservatorio “F. Venezze” di Rovigo, oltre a due eventi ‘speciali’ fuori programma.

Sul palco dell’antico giardino Casalini ogni sera si avvicenderanno artisti di fama nazionale e internazionale con giovani studenti e insegnanti del nostro Conservatorio. Un progetto collaborativo nato dalla sinergia RovigoBanca-Conservatorio che si è dimostrato vincente, guadagnandosi il favore del pubblico e della critica specializzata.

Si parte venerdì 28 giugno ore 21 con il chitarrista sardo Antonio Floris, ex studente del “Venezze” e vincitore del Premio tamburini 2018, che torna sul palco del Casalini con il suo quartetto formato da Vittorio Solimene (piano), Aldo Capasso (contrabbasso) e Federico Orfanò (batteria).

Alle 22 la Venezze Big Band, diretta da Roberto Spadoni, sarà protagonista di un concerto-tributo alla figura dell’indimenticabile Charles Mingus. Sul palco assieme a Spadoni la voce narrante di Marcello Brondi e la speciale partecipazione di Massimo Morganti (trombone).

Giovedì 4 luglio ore 21 sarà di scena la brava Sara Simionato, giovane voce e compositrice di talento del “Venezze”, che presenterà al pubblico “Blue Flow Ensemble”, un progetto originale nato all’interno del Conservatorio di Rovigo, che la vede in formazione con Francesco Salmaso (sax baritono), Chiara Parolo (clarinetto), Francesco Pollon (piano), Alessandro Bolsieri (sax alto), Marco Vavassori (contrabbasso), Tommaso Troncon (sax tenore), Cristian Tiozzo (batteria).

Alle 22 sarà protagonista Danilo Rea, uno dei più noti pianisti jazz italiani che vanta collaborazioni con Mina, Claudio Baglioni, Riccardo Cocciante, Pino Daniele, Fiorella Mannoia e Gino Paoli, solo per citarne alcuni.

Mercoledì 10 luglio si terrà la serata conclusiva della quarta edizione del Premio Marco Tamburini, riservato quest’anno alle formazioni jazz composte da giovani. Ospite speciale e Presidente della giuria sarà il celebre sassofonista argentino Javier Girotto. L’artista nel corso della serata si esibirà accompagnato dal trio formato da Stefano Onorati (piano), Stefano Senni (contrabbasso) e Stefano Paolini (batteria).

Gran finale giovedì 18 luglio ore 21 con l’esibizione di Emanuele Cisi & Alkaline Jazz Trio con Emanuele Cisi (sax tenore), Alessandro Di Puccio (vibrafono), Matteo Addabbo (hammond) e Alessandro Fabbri (batteria).

Alle 22 gli ospiti internazionali: Bobby Previte’s Classic Bump Band, una delle più celebri e prestigiose formazioni newyorkesi. Il gruppo formato da Marty Ehrlich (sax alto), Ray Anderson (trombone), Wayne Horvitz (piano) e Bobby Previte (batteria). Il concerto di Rovigo è una delle tre tappe italiane della loro ultimo tour europeo.

Nel giardino di Palazzo Casalini il Festival prevede in collaborazione con Deltablues due eventi speciali con il celebre chitarrista Scott Henderson: giovedì 11 luglio, Masterclass presso l’Auditorium del Conservatorio e venerdì 12 luglio, Concerto al Censer di RovigoFiere