Soncino, Cremona. Ha la forma di una carota bianca ed è raccolta in autunno-inverno per giungere sulle tavole dei buongustai di tutta Italia e dell’Europa, è la radice amara che da mezzo secolo ha la sua festa in autunno tra le mura dello splendido borgo di Soncino.

Domenica 28 ottobre, anche quest’anno dalle ore 10, si svolgerà la tradizionale Sagra delle Radici giunta alla 52^ edizione. Organizzata dall’Associazione Pro Loco di Soncino, con il patrocinio del Comune di Soncino, la manifestazione ha come protagonista assoluta la radice, una delle eccellenze gastronomiche del territorio. La manifestazione si svolge all’interno del centro storico, con l’obiettivo di far vivere in quella giornata tutti i luoghi, le stradine e le piazze del Borgo.

E’ difficile risalire con esatta certezza a quale epoca risalga la coltivazione della radice di Soncino, ma sicuramente era già presente nel 1500, come testimoniano i dipinti degli illustri Giuseppe Arciboldi e Pietro Martire Alberti. La zona di produzione è molto limitata, importante è la scelta del terreno irrigato da acque di risorgiva, dove la radice possa maturare tutte le proprietà di forma, gusto, consistenza e soprattutto le sue proprietà diuretiche. Il suo gusto caratteristico leggermente amarognolo è un pregio indiscusso.

La radice amara, verdura invernale, è un prodotto caratteristico del territorio circo­stante l’antico borgo di Soncino. Si consuma come una verdura, buona e gustosa, gli esperti la consigliano anche per le doti medicamentose, è un depurativo eccezionale contenente inulina che produce benefici effetti sull’intestino e sul sangue.

Il programma di domenica prossima è  ricco  di  appuntamenti musicali, canori, di ballo e culturali:

Dalle ore 10 si potrà passeggiare tra gli oltre 100 stand espositivi di prodotti della terra, eno-gastronomici, nonché artigianali e commerciali. In via Matteotti  si potranno ammirare le opere di pittori ed artisti e saranno allestiti stand per la  promozione delle attività delle associazioni culturali, di volontariato e delle scuole.

Al mattino in Piazza Garibaldi la classe IV del Liceo delle Scienze Umane di Soncino, in collaborazione con la Coop. InChiostro, presenterà il Progetto “In cerca di … Radici”, fumetto sulle radici amare di Soncino che ha lo scopo di promuovere l’educazione alimentare e la conoscenza di prodotti tipici nelle scuole del territorio.

Alle 14.30 tutti in pista con il Concerto della The Vinyl Band, alle 16.30, invece, verrà messa in scena la Commedia “Servitori e Padroni”, liberamente ispirata al “Servo di 2 padroni” di Carlo Goldoni.

Sempre in Piazza Garibaldi ci sarà il Punto Ristoro allestito dall’Associazione Pro loco, in cui verranno serviti dalla mattina fino alla sera piatti di radici, panini con la salamina, trippa, patatine fritte, mostarda e torrone.

La Sagra delle Radici, inoltre, è un’occasione per valorizzare i beni culturali e le tradizioni popolari locali, con un’ ottica di rilancio turistico comprendente la possibilità di visitare i monumenti e le chiese di uno dei Borghi più belli d’Italia, grazie alle visite guidate gratuite offerte dall’Associazione Pro loco (previo acquisto del biglietto d’ingresso ai monumenti). E’ infatti notevole l’affluenza di visitatori per la Sagra delle Radici provenienti da vari Comuni limitrofi ed anche da altre regioni italiane.