Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. L’eco del Palio delle Quadre di Chiari risuonerà domenica 6 ottobre, nella corte del Castello di Padernello. Tamburi, bandiere, suggestioni medievali scaturiranno dagli strumenti del Corpo bandistico Gian Battista Pedersoli, Città di Chiari, in concerto alle ore 18. Il brano “Le Quadre medievali” sarà eseguito in prima assoluta.

Il noto compositore italiano Carlo Pirola, per molti anni docente di strumentazione la Conservatorio di Milano, ha voluto omaggiare la Maestra Sara Maganzini e il Corpo Bandistico “G.B.Pedersoli” di Chiari di un brano originale da lui composto e dedicato all’importante tradizione delle Quadre. Il brano, costruito ad hoc per l’organico della Banda clarense diretta da Sara Maganzini, mette in evidenza l’identità del gruppo sottolineandone i valori musicali ma soprattutto regalando un forte senso di appartenenza attraverso le note che descrivono dettagliatamente l’atmosfera del Palio.

La composizione si apre con “La Sfilata” in un’atmosfera di grande esultanza dove l’onore è affidato alle trombe mentre le percussioni imitano il rintocco delle campane che suonano a festa. A contrastare questo tema molto ben ritmato ed esuberante é posto un momento di delicatezza, quasi nostalgia, dove un cantabile solo di flauto é accompagnato dalla sezione dei sassofoni. Una fanfara su ostinato ritmico delle ance porta presto al momento centrale del brano, “Il Palio”.

Questo tema è semplice ma efficace, consente di riconosce lo stile musicale medievale che ricorre continuamente nel brano, specialmente nella sezione delle ance, magistralmente utilizzate per impreziosirne la tessitura mentre al contempo trasmette l’energia derivante dalla festa e dalla folla acclamante riunitasi per l’occasione. L’effervescenza continua con un piccolo accelerando che incalzante porta all’ultima parte del brano “La Conclusione della Gara”, stacco netto ed improvviso che fluisce immediatamente in “La Vittoria” che ripropone il carattere esuberante iniziale diventato più risoluto e trascinante.

Il maestoso tema solenne richiede una sonorità piena con grandiosa carica emotiva per trascinare esecutori ed ascoltatori in un largo finale che lascia posto ai ricordi e la nostalgia di una tradizione che tuttora vive e che ogni volta dona profondo orgoglio e grande senso di appartenenza alla popolazione di Chiari.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *