Tempo di lettura: 2 minuti

Mi scrive Leoncina, 28 anni, femmina, mano destra

Non esiste riscontro grafico in quanto l’utete non ha autorizzato la pubblicazione di parte dello scritto sottoposto ad esame.

Come sempre ripeto, svolgere un referto “al buio”, su pagine scritte sotto dettatura, o – peggio – copiate (quindi prive del contenuto emotivo che ha un racconto del sé, del proprio vissuto) mi fa quasi pensare che chi desidera essere analizzato pensi più ad un gioco (“Vediamo se ci azzecca”) che ad un’analisi psicografologica che ha il compito di “dare una mano” nella conoscenza dell’IO, della profondità dell’IO.

Nel caso di Leoncina, ad esempio, sarebbe interessante sapere quali patologie, quali malattie, quali traumi, quali difficoltà ha avuto nei suoi 28 anni di vita.
Sono presenti, infatti, Segni grafici molto contradditori: ad esempio quello del rifiuto/cautela nei confronti del domani, associato a quello della non sensibilità.

Come può un soggetto avere sofferto tanto da non fidarsi del domani, e contemporaneamente non avere la capacità di conoscere i propri sentimenti e quelli altrui? Solo un vissuto particolare può spiegarlo e può rendere accettabili alcuni significati dei Segni presenti in questa estetica grafia.

In assenza di tali informazioni basilari, mi limito a riportare ciò che si rileva:

  • Capacità di analisi esacerbata, a detrimento della logica
  • Buona capacità di trovare strategie a breve raggio, per aggirare la realtà (o gli episodi – passati e presenti – ) non di gradimento del soggetto
  • Forte determinazione nel considerare le proprie idee migliori di quelle altrui
  • Tendenza a vedere la realtà più come si vorrebbe che fosse, che come in effetti è
  • Difetto di serenità mentale
  • Prevenzioni
  • Interferenza di fattori passionali nelle deliberazioni e nelle decisioni
  • Grandi sforzi per dimostrare autocritica ed autorettifica, senza raggiungere risultato completo
  • Capacità di puntualizzazione ai massimi livelli
  • Desiderio di accentrare l’attenzione dell’habitat su di sé
  • Forte conflittualità con la figura femminile in generale, materna in particolare
  • Aggressività nella difesa, che risulta anche provocatoria
  • Lieve incoerenza
  • Ansia
  • Capacità di rigore scientifico
  • Economia (in alcuni settori, tra cui quello affettivo)
  • Tendenza a rompere il rapporto nelle crisi di convivenza e/o di collaborazione; tendenza a non persistere nelle decisioni, se non a breve raggio, e con pervicacia ed ostinazione che si frantumano e cedono di colpo, all’arrivo di nuovi interessi
  • Ottima capacità di riprodurre, di ricalcare opere di tipo estetico. A questo proposito, merita una precisazione l’alto valore che in questa grafia ha il segno estetico. Si nota la capacità di produrre, anche se non in modo personalizzato, tutto ciò che abbia a che fare con la bellezza.

Si nota, anche, un non-elasticità notevole, in questa grafia che risulta ancora adolescenziale. Le potenzialità rilevate potrebbero divenire vere e proprie doti, se il soggetto decidesse di aprirsi maggiormente, di dare spazio agli altri.
Il grande desiderio di affetto, l’eccezionale amor proprio potrebbero essere predellini di lancio, anziché freno.

Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.