Tempo di lettura: 2 minuti

“Ti andrebbe di ballare?” – disse piano. Sto giocando con il fuoco, con qualcosa che non capisco, pensò all’improvviso. E in quel momento si rese conto di essere spaventata. Il cuore cominciò a batterle all’impazzata. Era come se quegli occhi verdi parlassero a una parte di lei sepolta ben sotto la superficie, e quella parta le gridava “pericolo”. Un istinto più vecchio della civiltà le diceva di correre, di scappare.

Elena Gilbert. Biondi e lunghissimi capelli lisci, incredibili occhi zaffiro, è la ragazza più ambita della scuola. Bella, intelligente e solare, si può dire che ha tutto dalla vita. Abituata all’effetto che fa sui ragazzi, ha nella sua cerchia Bonnie, Meredith e Caroline, le sue migliori amiche.

Il primo giorno dell’ultimo anno della scuola superiore arriva lui, Stefan. Il ragazzo nuovo. Ipnotici occhi verdi, estremamente introverso, affascinante ed intrigante, Elena vuole conoscerlo a tutti i costi, ma, per la prima volta nella sua vita, sembra esista davvero qualcuno che… non la voglia neppure degnare di uno sguardo. Esterrefatta, Elena si pone il suo primo obiettivo dell’anno scolastico: conquistarlo a tutti i costi.

Elena non ha proprio idea di cosa nasconda il così affascinante e tenebroso Stefan, non sa minimamente in che genere di guai si stia cacciando!

Il Diario del Vampiro, scritto da Lisa Jane Smith e meglio conosciuto con il titolo originario “The Vampire Diaries“, è stato portato alla notorietà anche grazie alla famosa serie televisiva omonima. Il Risveglio è il primo di una serie che conta 17 volumi.

Il Diario del Vampiro è il classico esempio di rielaborazione cinematografica che si discosta molto dalla sostanzialmente trama del romanzo. Opere apprezzabili entrambe, io consiglio di assaporarle ambedue. Per chi è affezionato al telefilm, venire a conoscenza di come era stato steso il libro in origine, notarne i parallelismi, capire come sono stati inseriti in una rielaborazione lontanissima dal romanzo, potrebbe essere un ottimo spunto di discussione.

CONDIVIDI
Roberta Mobini
Nata e cresciuta a Leno. Entro a far parte di Popolis dal primo agosto 2016. Studio Scienze matematiche all'Università Cattolica di Brescia. Estremamente curiosa, le mie passioni sono la lettura, l'attività fisica e soprattutto gli animali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *