Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2018 il Touring Club di Brescia organizza, domenica 23 Settembre alle ore 16 nella chiesa di San Giorgio, un concerto dal titolo: “l’Europa in musica”, un viaggio musicale nel tempo e nella geografia.

Il concerto sarà eseguito da il “Mosaico Musicale”, un ensemble che nasce a Brescia con la volontà dei suoi fondatori di continuare a valorizzare gli strumenti a pizzico: mandolino, mandola , mandoloncello e chitarra. Brescia ha una antica tradizione di orchestre a plettro sin dai primi anni del Novecento.

Il gruppo ha una ormazione cameristica formata da sei esecutori che hanno sviluppato una lunga esperienza in organici di altre orchestre a pizzico, conseguendo anche studi accademici, diploma o laurea in Conservatorio. Il gruppo cameristico tende a valorizzare il repertorio di musica originale per strumenti a plettro, con particolare interesse ai compositori del periodo barocco e rinascimentale, ma non tralasciando il repertorio contemporaneo.

Il repertorio di musiche per mandolino è pressoché illimitato, potendosi adattare a questo strumento vari tipi di musica. È inoltre possibile utilizzare parte del repertorio violinistico, dal momento che il mandolino ha la stessa accordatura del violino.

Il programma:

  1. Praetorius – Ballet

Traditional – Londonderry air (Irish Folk Song)

Traditional – Reel (Irish dance)

  1. Romaldi – Sinfonia in Do maggiore

(Allegro-Adagio-Allegro)

E.Barbella – Trio in Sol maggiore

(Allegro-Largo-Allegro)

E.Elgar – Salut d’amour

Traditional – Doxa to theo (danza greca)

G.Donizetti – Me voglio fa ‘na casa

R.Calace – Bolero (danza spagnola)

G.Rossini – La Danza (tarantella)

Ensemble Mosaico Musicale:

Mandolini: Talia Elisa Benasi, Alessandro Hrobat,

Annamaria Lardelli, Donatella Rocchi

Mandola: Marcello Marzaroli

Mandoloncello e Flauto dolce: Carlo Abeni

Chitarra: Stefano Staro

Tenore: Giuliano Florio

Direttore concertatore: Talia Elisa Benasi

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *