Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. È argomento di grande attualità la libertà di stampa, di espressione e di responsabilità nell’editoria. Al castello di Padernello sarà argomento di discussione con un’ospite eccezionale: Elisabetta Sgarbi in dialogo con Stefano Malosso. L’incontro rientra nel programma di Etica Festival, un percorso fatto di scosse, di proposte non pacificatorie, ma anche di carezze alla nostra intelligenza.

Direttrice editoriale, prima per Bompiani e ora per La nave di Teseo, di cui è fondatrice e anche direttrice generale, Elisabetta Sgarbi è regista di cortometraggi e lungometraggi presentati in prestigiosi Festival Cinematografici, curatrice di pubblicazioni d’arte e di mostre.

Elisabetta Sgarbi è anche, da diciannove anni, ideatrice e direttore artistico, di La Milanesiana – Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia Teatro e Diritto, una delle più importanti manifestazioni culturali in Italia. La Milanesiana ha anticipato, quasi vent’anni fa, il modello dei festival multipli e diffusi.

All’epoca un’avanguardia, oggi un format consolidato, fedele alla sua anima prismatica e mutante, curato con la responsabilità di una grande “organizzatrice culturale” che lascia però massima libertà agli ospiti cui chiede di proporre le proprie riflessioni intorno a temi spesso scomodi della nostra vita sociale.

EticaFestival, un progetto voluto da Fondazione Provincia di Brescia Eventi, coinvolge l’intera provincia, dalla Valle Camonica al lago d’Iseo,  dalla Valtenesi alla Valle Trompia fino alla Valle Sabbia, passando per la città di Brescia, 23 i comuni coinvolti.

Si caratterizza per l’offerta culturale ricca e capillare sul territorio, dove si alterneranno incontri con testimoni, la cui storia professionale dimostra coerenza con le scelte di vita, spettacoli che colpiscono al cuore non fermandosi alla pura denuncia e comunicazione delle buone pratiche che dimostrano la percorribilità di scelte etiche.

Elisabetta Sgarbi con la sua intensa vita professionale ne è una testimone attiva sui temi della responsabilità personale, della costruzione del bene comune e della gestione della libertà di espressione.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *