Un’archeologa esperta di viaggi a piedi, la primavera alla finestra, un’idea un po’ folle: Sara esce di casa, a Milano, e va a vedere il tramonto, 2.400 km più in là.

Parte da sola, ma non lo rimane a lungo: camminatori dalle traiettorie più disparate l’accompagnano attraverso il Nord Italia, i colori della Provenza, l’Occitania di Carcassonne e Lourdes, fino ai Pirenei e a Santiago, nei luoghi del pellegrinaggio più famoso al mondo.

Cento giorni per arrivare a Finisterre, in un Cammino che per molti è compimento e nuovo inizio.

Cento giorni in cammino è un libro che unisce un racconto per chi sogna viaggi avventurosi, ad una guida per chi sceglie di partire, con tutte le informazioni tecniche sul tracciato da Milano ai Pirenei. Con le altimetrie e l’app per utilizzare le mappe digitali del percorso.

L’autrice ha presentato Cento giorni in cammino, qualche giorno fa all’interno del programma culturale online di Fa’ la cosa giusta!, insieme a Gianluigi Bettin, viandante e appassionato di Cammini che da dieci anni si occupa della promozione e della tutela della Via di Francesco.

Sara Zanni è archeologa e Guida ambientale escursionistica. È nata a Milano, ha studiato a
Bordeaux, abita in Romagna ed è innamorata dei lunghi cammini storici, che la portano a
lavorare e viaggiare ovunque per l’Europa. Come archeologa li ricostruisce e li mappa, come guida semplicemente li cammina.