Cicognolo, Cremona. “Come un campo di papaveri” è il primo romanzo di Michela Guindaniambientato tra il giallo del mistero e il rosso dei papaveri: colori in terra cremonese.

C’è tutto il suo paese: la Chiesa, la caserma, l’officina, il bar. E ci sono tutti i suoi protagonisti, i personaggi “reali” (ma di fantasia) del piccolo borgo alle porte di Cremona. Michela Guindani, classe 1968, negli ultimi mesi ha affiancato alla sua attività professionale, lavora per il Comune di Casalmaggiore, ufficio Contabilità, la concretizzazione di un sogno: scrivere un romanzo.

Location: il posto in cui vive, e che ama. Gilgamesh Edizioni ha creduto in lei, ed ecco dato alle stampe “Come un campo di papaveri”, appassionante giallo ambientato a Cicognolo, in cui poetiche descrizioni del paesaggio e dei colori della campagna padana incrociano storie di furti anomali, di sentimenti e auto di lusso, di un ragazzo che sconta il suo debito con la Giustizia e di un omicidio con un mistero da risolvere.

Tutto torna, alla fine di questa abile trama, e tutto testimonia l’amore di Guindani per la sua terra, e la sua grinta nell’inseguire il suo sogno.

Il romanzo “Come un campo di papaveri” è disponibile per l’acquisto sulle maggiori piattaforme di vendita di libri on-line, e in prestito presso la Biblioteca Civica Mortara di Casalmaggiore e la Biblioteca di Cicognolo. Nelle prossime settimane Michela Guindani presenterà il suo libro al pubblico. Primo appuntamento il 17 luglio, naturalmente a Cicognolo.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.