Tempo di lettura: 2 minuti

«Per descrivere i comportamenti degli animali Vinciane Despret fa riferimento sia alla letteratura etologica sia alle pratiche dei ricercatori in laboratorio o sul campo, e alle testimonianze di allevatori, addestratori o di semplici appassionati. Il lettore ne scoprirà davvero delle belle: non solo tanti aneddoti curiosi, divertenti e talvolta paradossali, ma soprattutto si imbatterà negli interrogativi cruciali alla base della filosofia della scienza, dell’etologia, della psicologia e delle scienze sociali». – Robert Maggiori, Libération

«Quello della filosofa belga è forse uno dei libri più ricchi e audaci sulla questione animale. E grazie alla ricchezza di rimandi e di idee, all’acutezza dell’analisi increspata sempre da un sottile humour, l’etologia diventa una narrazione appassionante. Dopo aver letto questo libro, non guarderete più come prima il vostro cane o gatto, una mucca o un passero». – Le Monde

 Ci sono animali che sanno dipingere? Le scimmie sanno scimmiottare i comportamenti umani? Gli animali si vedono come li vediamo noi? A cosa sono interessati i topi durante gli esperimenti? Perché si dice che le mucche non fanno niente?

Sono solo alcune delle 26 domande poste in questo libro, una per ogni lettera dell’alfabeto, che rimettono in discussione i nostri pregiudizi su quello che fanno, vogliono e addirittura «pensano» gli animali.

Ogni voce, infatti, apre nuovi orizzonti e pone nuovi interrogativi.

Vinciane Despret, filosofa e psicologa belga conosciuta a livello internazionale, racconta le avventure insolite e divertenti che sono accadute ad alcuni animali di tutto il mondo, ma anche ai ricercatori che lavorano con loro in laboratorio o sul campo, nonché ad allevatori, veterinari e addestratori.

Partendo da casi concreti e intrecciando diverse discipline, dall’etologia alle scienze sociali, l’autrice restituisce agli animali selvatici, domestici e da «reddito», incredibili sfaccettature di dignità, protagonismo, intelligenza e sensibilità.

Leggendo queste pagine ci si chiede se non sono proprio gli animali a mettere in campo quella sottile ironia che mette in difficoltà il nostro senso comune e il sapere degli stessi specialisti.

Vinciane Despret è una filosofa e psicologa belga, professore associato dell’Università di Liegi. Da vent’anni si occupa della questione animale, argomento su cui ha scritto numerosi libri che sono diventati punti di riferimento internazionale.

È conosciuta anche per la sua attività didattica presso la Cité des Sciences a Parigi nel Parc de la Villette. Sul campo ha osservato i garruli arabi del deserto del Negev, in Israele, per studiare la particolare danza di questi uccelli, e il modo in cui la interpretano.