Se ci stiamo chiedendo da dove ricominciare dopo il Coronavirus, questo libro è la risposta. Ripartiamo dal cibo!

“Il cibo ci salverà” è un libro completo, che coniuga i principi base della scienza dell’alimentazione con gli aspetti sociali, ecologici ed etici.

L’obiettivo è ambizioso: spiegare in maniera accessibile le fondamenta di ciò che riguarda il cibo, per diventare consapevoli della sua importanza per il benessere psicofisico.

Giuseppe Tartaglione non è un “guru” e non vende diete: è invece un medico chirurgo, specializzato in Medicina Generale, “onnivoro selettivo” a tavola.

“L’alimentazione non è una fede – scrive – non ci si deve “credere”: che lo stile alimentare abbia ripercussioni sulla salute, è un dato di fatto.

Ciò non sorprende, considerando che, in media, mangiamo tre volte al giorno per tutto l’arco della vita e che il cibo, in quanto fonte di quasi tutte le molecole strutturali e funzionali che servono al corpo umano, si configura come il principale determinante ambientale per la salute ed il benessere, oltre che il principale elemento di impatto ecologico”.

L’alimentazione errata è oggi considerata responsabile di un numero di decessi maggiore rispetto a ogni altro fattore di rischio, e migliorarla potrebbe prevenire una morte su cinque a livello globale.

“Il cibo ci salverà” rende accessibili a tutti le conoscenze fondamentali sul cibo e spiega con chiarezza il rapporto tra i nutrienti e il nostro corpo.

CopertinaLa prima parte descrive in modo minuzioso l’impatto di ogni cibo, dall’Acqua allo Zucchero, sul nostro metabolismo e mette in guardia, in particolare, sui rischi legati al cibo ultra-processato.

L’affascinante storia alimentare della nostra specie ci dice infatti che le moderne diete “occidentali” aumentano il rischio di sviluppare malattie cronico-degenerative.

La seconda parte indaga invece il controverso rapporto tra la produzione agricola, la distribuzione e il consumo quotidiano di cibo: ovvero tutto quello che bisogna sapere per fare una spesa efficace, sostenibile e solidale, attenta alla salute e al benessere personale, ma anche a quella della comunità e del pianeta.

Un libro che, senza millantare ricette miracolose, ci permette di cambiare paradigma alimentare senza doversi affidare ai cosiddetti “esperti”.

Se non siete sicuri di diventare “onnivori selettivi” o “vegani perplessi”, in queste pagine trovate tutti gli elementi per scegliere con cognizione di causa la vostra “dieta” e privilegiare un’“alimentazione preventiva”, che soddisfi criteri nutrizionali, etici ed ecologici.

Non manca un vademecum per maneggiare il cibo nella vostra cucina e programmare una “giornata tipo” a tavola. L’opera include poi fonti e approfondimenti – un libro nel libro – accessibili attraverso QRcode.

Scrive Tartaglione: “Questo libro […] è rivolto a tutti, in particolare alle mamme, a coloro che lavorano con i prodotti alimentari (es.: agricoltori, allevatori, cuochi, ristoratori) e, soprattutto, agli aspiranti e ai sedicenti statisti, poiché sono convinto che l’obiettivo della “buona politica” sia primariamente quello di proteggere i cittadini”.

E infine un appello alla classe medica: “Anche i miei colleghi di ogni branca ed estrazione dovrebbero padroneggiarne i contenuti, perché, nonostante la prevenzione su larga scala sia compito del Governo […], la classe medica non può esimersi dal conoscere questi argomenti. Per questo la scienza dell’alimentazione dovrebbe far parte della formazione di ogni Medico di Medicina Generale”.

Giuseppe Tartaglione è Medico Chirurgo, specializzato in Medicina Generale. Laureato cum laude nel 2012 con una tesi dal titolo “Quando le donne diventarono dottoresse – Storia delle prime laureate in Medicina a Siena”, decide di approfondire, durante il Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale, lo studio dell’alimentazione, di cui analizza alcuni aspetti nella tesi di specializzazione (intitolata “Gruppo di Acquisto Solidale: una risorsa nella strategia di promozione della salute in Medicina Generale?”).

In aggiunta alla professione coltiva molte passioni, tra cui viaggiare e scrivere; quest’ultima, unita alla sua predisposizione per la didattica, lo ha portato alla stesura di questo volume divulgativo, frutto di una ricerca estesa e multidisciplinare sul tema dell’alimentazione, trattato in maniera esauriente e scientifica, ma allo stesso tempo pragmatica e utile per le proprie scelte quotidiane.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome