L’autobiografia di un inventore celeberrimo, un genio universale, lo Steve Jobs dietro la cortina di ferro.

La storia del cubo raccontata per la prima volta dal suo inventore: Ernő Rubik.

Erno Rubik era solo un bambino quando si appassionò a enigmi e rompicapo di
ogni tipo e iniziò a maturare l’idea che siano strumenti utili a sviluppare concentrazione e stimolare la ricerca di soluzioni sempre nuove.

Per Rubik enigmi e rompicapo non sono solo giochi: sono macchine della creatività, prove di quanto sia illimitata la curiosità umana per le nuove scoperte.

Con Io e il cubo, Rubik non si limita a raccontare l’invenzione del cubo che lo ha reso famoso in tutto il mondo: la sua autobiografia è il diario di un genio che ha imparato proprio dal suo più grande successo l’inevitabilità dei problemi e il valore dei fallimenti nel processo creativo. Una testimonianza unica sulla scienza imperfetta delle invenzioni.

Ernő Rubik è nato a Budapest nel 1944. Designer, architetto e docente universitario, deve la sua notorietà principalmente all’invenzione dell’omonimo cubo.

Negli anni Ottanta ha creato il Rubik Studio per la progettazione di mobili e giochi e negli anni Novanta ha creato la fondazione che porta il suo nome per sostenere e promuovere giovani ingegneri e designer di talento.

È tuttora in piena attività, a capo del Rubik Studio continua a occuparsi di progettazione, architettura e sviluppo di giochi e videogiochi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome