Tempo di lettura: 2 minuti

Bergamo. In zona fiera fervono i preparativi per la nuova edizione di Lilliput, che nel 2019 giunge alla sua sedicesima edizione. Tra didattica, gioco, divertimento, creatività, magia, spettacolo e meraviglia, il villaggio aprirà le sue porte, ai bambini dai 3 ai 12 anni, dal 5 al 7 aprile, per una grande festa con protagoniste in particolare le famiglie.

Ma non solo quindi per i bambini e i ragazzi, ai quali il villaggio creativo è dedicato, ma anche per i genitori, i nonni, gli amici più grandi, perché consente anche a chi non è più lillipuziano da molti anni, di tornare bambino per qualche ora e divertirsi un mondo insieme ai figli e nipoti.

Evento unico nel suo genere nel panorama nazionale, il villaggio creativo di Lilliput è un grande luna park per il corpo e la mente, e non solo per i bambini. Un luogo in cui si può imparare di tutto e di più, e il bello sta nel fatto che a Lilliput i bambini “studiano” divertendosi un mondo, grazie alle grandi aree tematiche dedicate soprattutto alle attività sportive (padiglione A), ai laboratori e alla didattica (pad. B). Lilliput è un luogo di pace, dove la gioia e la contagiosa energia dei bambini consente il dialogo e il confronto tra le tante diverse culture che stanno arricchendo sempre di più il nostro Paese. Il villaggio creativo ogni anno aggiunge nuovi mattoni, non per costruire muri che separano, ma per realizzare nuove stanze che accolgono nuovi amici.

Un villaggio davvero molto variegato e animato, quindi, e non c’è niente di più bello che vedere così tanti bambini giocare e imparare insieme ai loro coetanei, oppure ai propri cari, impegnati al massimo nelle attività sportive, nei laboratori, negli spettacoli e nella didattica in generale. E come non capirli quando si fanno prendere dall’entusiasmo nel poter toccare con mano i propri beniamini della tv o dello sport, in quello che per loro è un sogno che diventa realtà.

A Lilliput oltre 500 professionisti dell’educazione e dello spettacolo, musei, enti, associazioni, federazioni sportive e aziende leader legate al mondo dell’infanzia provenienti da tutta Italia, intratterranno con competenza ed entusiasmo, nelle aree attrezzate, il pubblico di bambini accompagnato da docenti o familiari: 20.000 metri quadrati divisi tra un’area sportiva, una laboratoriale, una teatrale e un’area esterna ricreativa.

In collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo, propone alle scolaresche sul territorio un’uscita didattico-formativa di qualità. Particolare attenzione anche per le famiglie: appositamente per loro non mancheranno infatti l’animazione, l’intrattenimento e gli spettacoli con protagonisti i beniamini della televisione per ragazzi.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *