Tempo di lettura: 2 minuti

Mantova – Ognuno ha il proprio modo di pregare, entrare in contatto con un mistero che ci da vita e speranza, ci conforta ed unisce. Carlo Favini, da oltre vent’ anni appassionato creatore di intarsi lignei di grande pregio, dialoga con le Fede grazie al certosino lavoro creativo sul legno, creta nelle sue mani che si trasforma in un vero e proprio Inno al Signore.

Le sfumature naturali del legno danno vita e forma alle immagini della vita di Gesù, alle sue opere terrene, alla Passione. All’amore eterno della madre per il figlio, e di un padre.

San Giuseppe con Bambino, da tela Guido ReniTra le nuove opere in mostra quest’anno San Giuseppe col bambino: “L’immagine mi è suggerita dalla splendida tela di Guido Reni” – sottolinea Favini -“una scena meno riprodotta nell’iconografia classica ma ricca di carica emotiva, nello sguardo amorevole del padre che osserva il piccolo mentre questi gli porge la mela, simbolo eterno della tentazione umana” sottolinea l’artista, da poco diventato nonno per la seconda volta.

Tra una tessera e l’altra del mosaico che va componendosi, Favini studia la vita di Gesù, immergendosi anche in quell’affasciante universo di documenti non canonici, i Vangeli apocrifi, momenti di vita di Cristo che, seppur non facenti parte della “versione ufficiale”, ci avvicinano alle vicende del personaggio storico: “come il viaggio in Egitto di Giuseppe e Maria in cui apprendiamo che ad accompagnare nella fuga la Sacra Famiglia c’era anche uno degli altri tre figli di Giuseppe e proprio costui tirava l’asinello su cui sedeva la Vergine“.

Mentre indaga, taglia e unisce i pezzi, Carlo Favini, nello studio della sua casa, è avvolto dalla musica classica: “in quei momenti io sono in cielo, in Paradiso” – sottolinea l’artista – “mentre creo mi emoziono e le emozioni sono il dono che vorrei regalare a chi osserva le mie opere“.

Dopo le personali a Mantova, a Grazie di Curtatone, a Reggiolo, Redondesco, e a Roma nella chiesa del Gesù, dove ha esposto una delle sue opere più rilevanti – le 14 stazioni della Via Crucis – Favini espone fino all’8 gennaio 2017 a Mantova presso il Museo Diocesano Francesco Gonzaga: tavole in legno intarsiato traducono il mistero della Natività, dipinti celebri, ultimamente anche a rilievo, e complessi plastici di architettura monumentale, come il castello gonzaghesco, la parrocchiale di Redondesco o il santuario delle Grazie.

Madonna del Magnificat da Sandro Botticelli: Collezione Paolo DaraLe mie tavole sono prive di colore artificiale, per non snaturare il legno – ricorda Favini -” il colore è quello dato dalle molte essenze diverse, mentre il movimento delle figure è ottenuto con la tecnica medioevale della bruciatura delle tessere nella sabbia bollente”.

Materie semplici da cui scaturiscano opere dal gusto raffinato, sacre e profane.
Monsignor Roberto Brunelli, critico d’ arte e direttore del museo diocesano, l’ha definito artista che scopre l’ anima e dona l’anima ai suoi legni, riconoscendo nell’artista mantovano una squisita sensibilità e una grande tecnica, frutto di una pazienza senza pari e grande studio tecnico.

Certo è che se al cielo si sale con le mani, con le opere che l’uomo sapientemente sa creare, Carlo Favini ci indica, con questa sua mostra natalizia, la strada più poetica ed emozionante verso l’apoteosi.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *