Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Si rafforza la collaborazione tra Comune enti ed associazioni del mondo dello sport cremonese, è stato siglato il protocollo d’intesa per lo sviluppo delle attività sportive educative del territorio, confermando la rilevanza della pratica sportiva di aggregazione sociale e integrazione.

La condivisione di azioni comuni per il coinvolgimento di rifugiati e richiedenti asilo in attività sportive con lo scopo di sviluppare competenze di cittadinanza e generare integrazione. Questo l’obiettivo del Protocollo d’intesa siglato a Palazzo comunale tra il Comune di Cremona, Enti ed Associazioni, nell’ambito del progetto “Sport – azioni per esserci”, finanziato dal Ministero degli Interni.

“L’obiettivo è proseguire nel confronto fra le realtà del territorio che, a diverso titolo, si occupano degli stranieri, dei profughi e dei rifugiati presenti in città”, dichiara l’Assessore al Welfare di Comunità con delega allo Sport Mauro Platè, che aggiunge: “Da mesi cooperative attive sul territorio, associazioni culturali e sportive e portatori di interesse che operano nell’ambito dell’integrazione lavorano in sinergia per presentare progettualità che coinvolgano gli utenti immigrati. Si vuole dare valore alle esperienze di integrazione già operative sul territorio e alla necessità di una multi-culturalità che coinvolga sempre più chi è di origini straniere”.

La sottoscrizione dell’intesa è stata anche l’occasione per fare il punto sulle numerose attività in corso e in progetto dei vari soggetti intervenuti: Claudio Ardigò del CSI, Luca Zanacchi di UISP, Renato Bandera di AICS, Fabio Tambani per ASD Sansebasket, Giovanni Radi per il Panathlon Cremona, don Pierluigi Codazzi per la Cooperativa Nazareth, don Antonio Pezzetti per la Cooperativa Servizi per l’Accoglienza, Leonardo Piriti e John Stuart Till dell’ASD Rugby Lions Cremona, Giulia Cancelliere della Cooperativa Sociale Sentiero, Claudia Galbignani dell’ASD Aretè, Leda Mori dell’Associazione Teatrale Akamorà, Carduccio Dossena per l’ASD Dinamo Zaist, Daniele Signore dell’ASD Atletica-Mente AICS ed Enrica Lena per l’ASD Il Sorriso di Hathor.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *