Non nego di avere avuto in passato qualche problema a rapportarmi con le persone che hanno disabilità. Provavo quell’imbarazzo dovuto al fatto che non sapevo qual era l’approccio migliore per interagire con loro!

Lo Yoga della Risata mi ha fornito uno strumento per avvicinarmi al mondo della disabilità, facendomi capire che la regola di base da seguire, anche in questo caso, è quella di essere se stessi e comportarsi con naturalezza e semplicità!

Per questo, saputo che l’associazioneCollaboriamo” di Leno, centro diurno per disabili, proponeva ai suoi utenti molti e diversificati progetti, ho chiesto un incontro per presentare il mio progetto di Yoga delle Risata per le persone con disabilità e così tra giugno e agosto abbiamo avuto l’occasione di condividere questa esperienza!

Per le dieci sessioni del progetto ci siamo trovati, salvo nei giorni di pioggia, nella fantastica cornice del parco di Villa Badia, sede della Fondazione Dominato Leonense a Leno.
Il gruppo di 10-15 persone che hanno partecipato al progetto sono persone adulte differenti per età e per forma di disabilità e queste differenze non hanno fatto altro che arricchire i nostri incontri grazie al contributo unico di ognuno di loro che, valorizzato con gli esercizi proposti, ha consentito di mettere in risalto le loro abilità e di condividerle con gli altri, coinvolgendoli e facendoli approcciare a nuove esperienze.

Fin dal primo incontro mi sono resa conto di avere il privilegio di avere a che fare con un meraviglioso gruppo di persone che mi hanno dato fiducia e, fidandoci gli uni degli altri, nel corso del progetto si è creato un meraviglioso rapporto grazie al quale i ragazzi si sono lasciati guidare da me e dagli educatori che hanno sempre partecipato in modo attivo alle sessioni, e si sono mostrati sempre aperti e disponibili di fronte a qualsiasi esercizio ed esperienza proponessi loro.

Yoga della risata - Collaboriamo

Ciò che mi ha colpito da subito è stata la loro disarmante spontaneità e genuinità, il loro donarsi senza remore, che mi ha portato a fare altrettanto e dare tutta me stessa per ricambiare l’affetto che ogni volta mi dimostravano. Rispetto alle sessioni di Yoga della Risata con gli adulti che conduco abitualmente, è stato più immediato riuscire ad abbattere le barriere e gli schemi precostituiti normalmente presenti nelle persone e far uscire il lato giocoso e istintivo di ognuno di loro.

E così ogni settimana attendevo con entusiasmo il giorno delle nostre sessioni, certa che ogni volta sarebbe stato un incontro speciale! Si, perché ogni volta questi ragazzi riuscivano a stupirmi con un loro progresso, con una loro manifestazione di entusiasmo, con una loro interpretazione degli esercizi proposti, con una loro parola o con un loro abbraccio!

Ho imparato nel corso degli anni, e con questo progetto ne ho avuto ulteriore conferma, che è con le piccole cose che si può dare e ottenere grande gioia! Ed è per questo che ad ogni sessione il mio entusiasmo e la mia felicità crescevano vedendo la voglia di mettersi in gioco dei ragazzi, un sorriso o una risata di chi era più timido, l’iniziativa presa dall’uno o dall’altro nel corso dell’incontro, la richiesta di ripetere esercizi già sperimentati le volte precedenti, le loro manifestazioni d’affetto sia nei miei confronti sia tra di loro, il loro sguardo felice e partecipe che incrociava il mio e quello dei compagni, la loro capacità di creare ogni volta nuove risate in modo spontaneo come se lo facessero da sempre, le loro chiacchierate in gibberish

Sono infinitamente grata per questa indimenticabile esperienza e per questo ringrazio i ragazzi che hanno partecipato alle sessioni di questo progetto di Yoga della Risata e il loro grande e generoso cuore e l’associazione Collaboriamo che mi ha permesso di sperimentare tutto ciò, ed in particolare tutti gli educatori che hanno partecipato e hanno dato un fondamentale contributo per la riuscita del progetto!
E spero ci sia presto l’occasione di poter fare nuovamente questo tipo di progetti perché è stata un’esperienza molto forte in cui ho sentito ancora una volta che con lo Yoga della Risata si può contribuire a diffondere gioia e bellezza attorno a noi!