Tempo di lettura: 1 minuto

Parma – L’oboe, strumento a fiato appartenente alla famiglia dei “legni”, ha origini antichissime. L’occasione per scoprirne le caratteristiche è offerta dal terzo appuntamento di “Il Suono svelato”, ciclo di guide all’ascolto a cura di docenti e allievi del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma.

Martedì 29 ottobre alle 18.00, nell’Auditorium del Carmine, si terrà l’incontro dal titolo “L’oboe dal ‘700 a Bruno Maderna”. Il Maestro Luigi Abbate illustrerà il repertorio di questo strumento, molto usato nel Sei e Settecento, meno dai romantici e poi tornato in auge nel ventesimo secolo grazie a pagine di grande bellezza, opera di musicisti come Benjamin Britten e Richard Strauss.

L’oboe verrà presentato nelle sue caratteristiche strutturali e tecniche da Orfeo Manfredi, allievo del Conservatorio. Nel corso della guida i due musicisti faranno ascoltare alcuni brani significativi del repertorio, partendo da Alessandro Marcello, passando per Gaetano Donizetti e Robert Schumann, per arrivare a Bruno Maderna, del quale ricorre nel 2020 il centenario della nascita.

Luigi Abbate, compositore e pianista, ha scritto lavori premiati in numerosi concorsi internazionali. È docente di composizione al Conservatorio di Parma. Orfeo Manfredi studia oboe e composizione al Conservatorio “Arrigo Boito”.

La rassegna “Il Suono svelato” è inserita nell’Attività di formazione permanente del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, coordinata dal prof. Pierluigi Puglisi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *