Ritorma l’Earth Hour – Ora della Terra, l’evento globale del WWF dedicato all’ambiente e al clima e arriva il riconoscimento dell’iniziativa da parte del Quirinale: il Capo dello Stato Sergio Mattarella nei giorni scorsi ha infatti conferito la ‘Medaglia del Presidente dalla Repubblica’, come “premio di rappresentanza all’evento internazionale Earth Hour 2018”. ù

Inoltre, a Earth Hour 2018 è stato concesso il Patrocinio della Presidenza del Senato della Repubblica, della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’ANCI, che sta collaborando attivamente al successo dell’iniziativa.

Crescono le adesioni alla manifestazione globale organizzata dal WWF il prossimo sabato 24 marzo con centinaia di eventi in programma nel mondo e in Italia con l’adesione ad oggi di oltre 200 comuni.

Una partecipazione di eccellenza è quella prevista a Roma in occasione dello spegnimento di una delle icone della capitale coinvolte: alle 20.30 Paolo Nespoli, astronauta ESA, protagonista della missione VITA dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) rientrato nel dicembre scorso dall’ultima spedizione spaziale durata quasi 5 mesi, spegnerà insieme al WWF le luci che illuminano il Colosseo.

Paolo Nespoli, che ha lavorato sulla Stazione Spaziale Internazionale, ha annunciato così la sua partecipazione: “Da lassù perdi il dettaglio ma vedi la bellezza e senti la fragilità del nostro pianeta: la chiamano visione d’insieme. L’atmosfera sembra una leggera nebbiolina che avvolge il pianeta e dalla stazione spaziale sembra basti un’incauta soffiata per spazzarla via. Di notte tutti i continenti si illuminano come un albero di Natale e dalla stazione osservi quanto noi esseri umani siamo in ogni angolo del globo. Da lassu’ sembra impossibile che questa nostra aggressiva omni-presenza non stia alterando le condizioni che permettono la nostra vita su questo pianeta”.

La partecipazione di Nespoli è anche frutto della collaborazione tra WWF e ASI per la sensibilizzazione e divulgazione sui dati satellitari per lo studio e analisi delle modificazioni ambientali del pianeta.

Dalle 20.30 davanti al Colosseo prenderà anche il via alla “Pedalata per il Clima”, una manifestazione totalmente gratuita a cui hanno già aderito oltre 500 cittadini. Il corteo di bici si snoderà lungo le vie storiche della capitale e raggiungerà alle 21.30 la Basilica di San Pietro, anch’essa spenta per l’Ora della Terra, dove si assisterà alla sua riaccensione.

In Italia, infatti, oltre agli spegnimenti simbolici di chiese, palazzi, monumenti, il WWF ha organizzato da nord a sud speciali Pedalate in collaborazione con FIAB (Federazione Italiana Amanti della Bicicletta): finora hanno aderito Padova, Torino, Vicenza, Bologna, Livorno, Terracina, Chieti, Pescara, Teramo, Napoli, Brindisi, Lecce, Potenza e Catania.

A Milano serata dedicata ai pipistrelli, come simbolo di una biodiversità minacciata ma preziosa.

L’invito del WWF per la sera di sabato 24 marzo è quello di partecipare a Earth Hour in tanti di modi diversi, dalle cene a lume di candela agli eventi di piazza previsti in tutta Italia.

Dal Pacifico alle coste atlantiche si spegneranno monumenti, luoghi simbolo, sedi istituzionali, uffici, imprese e abitazioni private di tutto il mondo con centinaia di eventi e iniziative speciali sul web e nelle migliaia di città coinvolte in un vertiginoso gioco colorato dell’ON-OFF delle icone mondiali.

Quest’anno, per l’11 compleanno di Earth Hour, la parola d’ordine è Connect2Earth, a sottolineare il legame tra il nostro benessere e l’equilibrio dei boschi, la purezza delle acque, la bellezza e ricchezza di vita e di specie.

Nel 2017 l’effetto domino dell’Ora della Terra ha registrato numeri da capogiro: 7000 città e oltre 184 paesi e regioni del mondo, centinaia di milioni di persone e per l’hashtag #EarthHour oltre 3 miliardi di azioni social rendendo ancora più popolare il tema della necessità di agire sui cambiamenti climatici.