Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. La Mahler Chamber Orchestra, il celebre complesso fondato da Claudio Abbado nel 1997, aprirà giovedì 17 gennaio la stagione del Teatro Grande sotto la direzione del Maestro Daniele Gatti.

Dopo il concerto inaugurale il programma di musica, concerti e storia si intensifica con un cartellone che accompagna sino all’8 giugno, la giornata della festa della Musica, che vede da anni le vie, le piazze, gli angoli della città divenire un teatro all’aperto nel segno della musica. Il programma.

Giovedì 17 gennaio per la prima volta ospite della stagione della Fondazione, Daniele Gatti è una delle bacchette italiane più famose a livello internazionale, recentemente nominato Direttore musicale del Teatro dell’Opera di Roma.

Il programma della serata sarà interamente dedicato al compositore Robert Schumann.

La Mahler Chamber Orchestra è stata fondata nel 1997 sulla base della visione condivisa di essere un ensemble libero e internazionale, dedicato alla creazione e alla condivisione di esperienze eccezionali nella musica classica. Con 45 membri che abbracciano 20 diversi paesi nel suo nucleo, il MCO funziona come un collettivo nomade di musicisti appassionati che si uniscono per tour specifici in Europa e in tutto il mondo.

L’orchestra è costantemente in movimento: ad oggi ha suonato in oltre 40 paesi nei cinque continenti. È governato collettivamente dal suo gruppo dirigente e dalla sua orchestra; le decisioni vengono prese democraticamente con la partecipazione di tutti i musicisti.

Il Teatro Grande di Brescia trae le sue origini da un’istituzione seicentesca,l’Accademia degli Erranti, che dal 1640 circa fondò e dedicò ogni sua energia alla gestione del teatro cittadino. Col passare degli anni, oltre ad affermarsi come il principale teatro cittadino, il Grande venne riconosciuto come monumento nazionale.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *