Tempo di lettura: 3 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Anche la seconda giornata più impegnativa del fine settimana carnevalesco è stata un successo di pubblico. La mattina era stata dedicata al recupero di una pianta, che si è rivelata più difficile del previsto. La sirena del trattore Landini ha cominciato presto a dare la sveglia ai pescarolesi, ma come spesso succede dal campo base di Achille Caifa, gli addetti ai lavori si sono mossi molto più tardi. Lo sradicamento della pianta, grazie al mezzo meccani co-gestito da Pietro è stata una cosa abbastanza veloce, anche se non facile in quanto la pianta era radicata bene nel terreno.

I preparativi per caricarla sul carro sono stati più impegnativi del previsto, sia per la pulizia della ceppaia che per togliere alla pianta il più possibile numero di rami, lasciando solo il castello finale. Dal campo abbiamo visto arrivare i carri degli amici di Castelvisconti, diretti in piazza. Il programma prevedeva poi che fossero i cavalli T.R.P. a portarla al luogo di partenza per l’indomani.

Purtroppo l’esperimento per il quale si era preparato tutto il necessario è fallito e anche l’intervento del trattore Landini non è bastato. Così si è dovuto ricorrere ad un altro trattore e, finalmente con tanto impegno e attenzione da parte degli addetti, la pianta è arrivata a destinazione verso le ore tredici.

Ad attendere l’arrivo della pianta una tavola imbandita con aperitivi e dolci vari. Poi il pranzo per gli addetti ai lavori a casa Caifa e, anche se con un po’ di ritardo, verso le 15 iniziava la sfilata finale in piazza Garibaldi. Ad aprire la sfilata il gruppo folcloristico dei “boliviani” che si è esibito per oltre due ore seguendo il percorso dei carri, oltre ad uno spettacolo finale sulla piazza concluso con tanti meritatissimi applausi, sia per la musica, che per i balli e i loro caratteristici costumi ricchi di colori.

La giornata si è infine conclusa con le premiazioni. Sul palco oltre ai due annunciatori ufficiali Luca e Vanni, anche il Sindaco Graziano Cominetti e il presidente della Pro Loco Claudio Dondi.

Alle votazioni hanno partecipato circa 450 persone e il Fagiolo d’oro è andato con 102 punti a “il giro del mondo in 80 giorni”. Seguivano la carica dei 101 con 100 punti e il bosco incantato con 92. Il fagiolo d’argento è andato invece a “il bosco incantato” seguito con 76 punti dal “giro del mondo in 80 giorni”, “Disney word” con 63 e “the King of the bulldog” con 62.

Una bella giornata favorita ancora da una situazione climatica ottimale che ha riempito piazza Garibaldi, con grande soddisfazione da parte degli addetti ai lavori. Ora a Pescarolo si entra nella tradizione e l’appuntamento è per oggi lunedì 4 marzo alle ore 14,30 per portare la pianta in piazza con il tradizionale corteo che arriverà in piazza Garibaldi, percorrendo le vie Matteotti, Carducci, Mazzini, Della macina, via Roma e piazza Garibaldi, dove accolta dal suono della campana a martello verrà issata nella buca appositamente preparata. La mattina di domani, martedì, si preparerà la catasta e alle 20 al suono della campana serale dell’Ave Maria, via all’accensione del 353° falò.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *