Tempo di lettura: 13 minuti

Lumezzane (Brescia) – Si avvicina l’inaugurazione della nuova Stagione del Teatro Odeon promossa dal Comune di Lumezzane. A dare il via alla 21esima manifestazione annuale sarà la coppia inedita ALESSIO BONI e OMAR PEDRINI in un emozionante concertato tra reading e musica dal vivo.

Un’inaugurazione speciale, coinvolgente e non convenzionale per il teatro che è diventato punto di riferimento per le scelte di qualità, mai banali e scevre da preclusioni verso la pluralità e la commistione di linguaggi delle arti performative, all’interno di una concezione progettuale che vede coinvolti attori, compagnie e produzioni di tutto il territorio nazionale, ma non trascura il rapporto con le associazioni e le comunità locali.

Il cartellone allinea 11 spettacoli serali in abbonamento, cui vanno ad aggiungersi 4 pomeriggi di Bimbi all’Odeon, 12 Schegge di cinema (in due sezioni), il tradizionale evento lirico dedicato a Giacinto Prandelli e le 23 date della rassegna Vers e Ùs.

Il sipario si aprirà quindi venerdì 25 ottobre con ALESSIO BONI e OMAR PEDRINI, ideatori e interpreti di un progetto nato da una salda amicizia basata, oltre che sulla vicinanza anagrafica e geografica, su molte affinità di gusti e interessi e sintetizzato nel titolo 66/67, che mette insieme i rispettivi anni di nascita.

Il noto attore bergamasco e l’amato “zio rock”, già leader dei bresciani Timoria, con il supporto di un’ottima live band coinvolgeranno il pubblico in un viaggio dagli anni 60 ad oggi attraverso canzoni leggendarie diventate colonna sonora delle nostre vite: da John Lennon a Lou Reed, dai Pink Floyd a Simon & Garfunkel, da David Bowie a Bob Marley – senza dimenticare però cantautori italiani del calibro di Giorgio Gaber – rivelandone non solo la bellezza musicale ma anche parole e senso. Lumezzane avrà il privilegio di essere tra i primi ad ospitare lo spettacolo, dopo un’entusiasmante anticipazione estiva a Salerno per Napoli Teatro Festival (prevendite online e in biglietteria dal 15 ottobre, servizio di bus-navetta gratuito da Brescia).

Anche il secondo appuntamento, martedì 12 novembre, coniugherà al meglio teatro e canzone d’autore con IL GRIGIO, capolavoro di GIORGIO GABER e Sandro Luporini riallestito dallo Stabile di Genova nell’adattamento “spudorato e inevitabile” di un regista capace e versatile come Giorgio Gallione che si è affidato al talento eclettico e irriverente di ELIO, leader storico delle Storie Tese.

Ancora in novembre, lunedì 25, è atteso Alessandro serra con il suo potente e ipnotico MACBETTU di ispirazione shakespeariana, interpretato da soli uomini secondo la tradizione elisabettiana e declinato in una sorta di carnevale sardo che rimanda a forze primigenie e riti arcaici. Lo spettacolo, conteso dai più importanti festival di tutto il mondo, ha ottenuto, tra gli altri, il Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell’anno e il Premio della Critica Anci-Associazione Nazionale Critici del Teatro.

Dicembre, mercoledì 4, segnerà un ritorno tra i più graditi per il pubblico dell’Odeon: MARIA PAIATO, attrice pluripremiata che ha regalato strepitose interpretazioni – La Maria Zanella, Erodiade, Anna Cappelli, Amuleto, Stabat Mater… – sarà la protagonista di MADRE COURAGE E I SUOI FIGLI, allestimento corale del profetico testo brechtiano sulla vita e sulla guerra diretto da Paolo Coletta e prodotto da Società Per Attori con il Metastasio di Prato.

A chiudere la prima parte di Stagione, il 15 dicembre, sarà un istrionico Filippo Timi che in Skianto, testo sulla disabilità da lui scritto e diretto con rimandi autobiografici, racconta una favola amara e comica, delicata e spiazzante che sublima rabbia, dolore e ironia in una travolgente interpretazione.

Il nuovo anno porterà per la prima volta a Lumezzane, mercoledì 8 gennaio, la giovane compagnia IL MULINO DI AMLETO con il Platonov di Cechov, una sfida vinta per un testo incontenibile come la vita restituito in scena con passione da un gruppo coeso che ne ha fatto un viaggio poetico e sorprendente alla ricerca di un altrove migliore, una promessa di felicità in cui credere nonostante tutto.

A febbraio la seconda parte di Stagione affianca due serate che, in modi affatto diversi, rappresentano vere e proprie gare di bravura.

Lunedì 3 la partita si giocherà tra Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi nel Don Chisci@tte di Arca Azzurra, originale riscrittura di Davide Iodice che ha trasbordato i mitici personaggi di Miguel de Cervantes dentro una contemporaneità “social” che nasconde un isolamento profondo dal mondo reale e dove Dulcinea, intrappolata in una webcam, può svanire per un banale blackout.

Venerdì 21 febbraio toccherà agli Oblivion mostrare tutto la loro abilità attoriale e canora e la loro ingegnosità trasformista nell’acclamato musical la bibbia riveduta e scorretta, irresistibile versione comica del più noto best-seller della storia, tra mille travestimenti e i più disparati personaggi passando attraverso svariati generi musicali, dalla rivista al rap, dal gospel alle raffinate atmosfere stile Broadway.

Il 13 marzo Mario Perrotta porterà in scena con Paola Roscioli DELLA MADRE, secondo atto di una ricerca condotta con il coinvolgimento dello psicoterapeuta massimo recalcati, che dopo l’analisi sui padri contemporanei si concentra sulla figura materna fonte di vita e simbolo di cura, sulle sue metamorfosi attraverso le generazioni, sui suoi aspetti luminosi e oscuri.

Venerdì 27 marzo, dopo il successo di A Night in Kinshasa, tornerà FEDERICO BUFFA in uno dei suoi racconti più avvincenti: ITALIA MUNDIAL (Spagna 1982). Le imprese di Paolo Rossi, Dino Zoff, Marco Tardelli, il tifo di Sandro Pertini e l’esaltazione allo Stadio Bernabeu rivivono in un caleidoscopio di storie piccole e grandi grazie a un maestro della narrazione sportiva capace di trasformare le parole in emozione.

Ad aprile infine, a chiudere mercoledì 8 la Stagione Prosa, tornerà anche Giacomo Poretti in Chiedimi se sono di turno titolo ottenuto parafrasando il film di successo realizzato con i compagni artistici di una vita, Aldo e Giovanni (con i quali ha in cantiere un nuovo progetto cinematografico).

Supportato dalla Produzione AGIDI e dalla regia di Andrea Chiodi come nel precedente Fare un’anima, Giacomo si lancia in un nuovo monologo che attinge all’esperienza personale per un giro a tratti surreale ma molto veritiero tra le corsie d’ospedale, luogo che ben conosce per avere esercitato a lungo la professione d’infermiere prima di arrivare alla fama nel mondo dello spettacolo, E anche se non mancano momenti drammatici, la sua vis comica e la sua ironia promettono di fare centro fin dalle prime battute: “in ospedale si entra per tre motivi: se uno è ammalato, se si va a trovare un ammalato, oppure, se sei particolarmente sfortunato, se ci devi lavorare”.

11 spettacoli, tutti in abbonamento
I titoli che compongono il pacchetto degli 11 spettacoli: 66/67 • Il grigio • Macbettu • Madre Courage • Skianto • Platonov • Don Chisci@tte • La Bibbia riveduta e scorretta • Della Madre • Italia Mundial • Chiedimi se sono di turno sono tutti in abbonamento (intero 160 euro, ridotto 140; rinnovi per i vecchi abbonati dal 13 settembre, nuovi abbonamenti dal 24 settembre).

I biglietti acquistabili anche online
I biglietti sono acquistabili alla biglietteria del Teatro Odeon, a Brescia da Punto Einaudi e online su vivaticket. I biglietti del primo spettacolo, 66/67 di Alessio Boni e Omar Pedrini, saranno disponibili dal 15 ottobre.

Servizio di bus navetta gratuito
Già sperimentato positivamente lo scorso anno, il servizio di bus navetta gratuito da Brescia a Lumezzane e ritorno, sarà attivo per gli spettacoli: 66/67, Macbettu, Skianto, Don Chisci@tte, La Bibbia riveduta e scorretta (info e iscrizioni dal 15 ottobre al 327.1054158 e all’indirizzo segreteria@eureteis.com).

A completare il cartellone ci saranno poi gli appuntamenti e le rassegne tematiche divenuti imprescindibili nella programmazione complessiva.

Lumezzane ricorda Giacinto Prandelli
Non mancherà il tradizionale evento lirico per Giacinto Prandelli, in omaggio al tenore lumezzanese dalla carriera internazionale (in data da definire).

2 sezioni per le Schegge di cinema
Le apprezzate Schegge di Enrico Danesi torneranno con 12 appuntamenti, equamente divisi tra le sezioni Cinema e Musica (dal 6 novembre) e Storie (dal 15 gennaio).

4 spettacoli per Bimbi all’Odeon
Forte del successo delle ultime edizioni, Bimbi all’Odeon ha in serbo 4 spettacoli dedicati alle famiglie e ai bambini per affascinare e divertire tutti con le gag della clownerie, le mille invenzioni sceniche e la simpatia degli interpreti (dal 27 ottobre).

Vers e Ùs
Vers e Ùs continuerà ad ospitare dall’autunno alla primavera gli appuntamenti con le culture della comunità, dando spazio ai gruppi teatrali e musicali, alle associazioni culturali, alle cooperative sociali.

Gli spettacoli

Venerdì 25 ottobre ore 20.45
Alessio boni & omar pedrini
Produzione INFINITO / Distribuzione Isabella Borettini ParmaConcerti
66/67
con Stefano Malchiodi (batteria), Larry Mancini (basso), Carlo Poddighe (tastiere)
testi di Alessio Boni e Nina Verdelli
Un progetto musicale nato dall’unione artistica tra Alessio Boni e Omar Pedrini. In scena un susseguirsi di musica, visuals, recitato e cantato che coinvolgerà il pubblico con lo scopo di trasmettere la poeticità dei testi, resi poi canzoni grazie alla musica. Brani potenti ed emozionali della storia della musica, che dagli anni 60 ad oggi hanno composto la colonna sonora della vita di tanti. L’occasione? I sogni fatti da bambini: Alessio, da piccolo, avrebbe voluto fare la rockstar, Omar l’attore. Da grandi i loro desideri incompiuti hanno fornito la spinta per creare questo spettacolo. Cresciuti con gli stessi riferimenti musicali, sono entrambi convinti che alcune canzoni siano poesie.
quota prevendite on-line disponibile dal 15/10/2019
altre prevendite dal 15/10/2019
per questo spettacolo è attivo il bus-navetta gratuito a/r Brescia-Lumezzane

Martedì 12 novembre ore 20.45
ELIO/GABER/LUPORINI/Gallione
Produzione Teatro Nazionale Genova
IL GRIGIO
di Giorgio Gaber e Sandro Luporini
con Elio
rielaborazione drammaturgica e regia Giorgio Gallione
arrangiamenti musicali Paolo Silvestri
Ecco lo spettacolo in cui il capolavoro di Gaber e Luporini, con l’adattamento e la regia di Giorgio Gallione, viene arricchito da una decina di canzoni, terreno perfetto per il talento eccentrico di Elio storico leader delle Storie Tese. Il grigio è la storia di un uomo che si allontana da tutto e da tutti, afflitto più da problemi personali che sociali. Si ritira in campagna per stare tranquillo. La sua desiderata solitudine è però subito disturbata da un fantomatico topo: il grigio. Forse un fantasma, forse una proiezione, certo l’elemento scatenante dell’inesorabile e ironico flusso di coscienza dell’uomo.

quota prevendite on-line disponibile dal 15/10/2019
altre prevendite dal 12/11/2019

Lunedì 25 novembre ore 20.45
Alessandro serra
MACBETTU
Produzione Teatro di Sardegna / Compagnia Teatropersona
Premio UBU 2017 Spettacolo dell’anno
Tratto dal Macbeth di Shakespeare, questo spettacolo è una delle produzioni italiane più invitate nei festival e nelle rassegne mondiali di questi anni. Una sorta di “carnevale sardo”, con tratti che ricordano anche quelli delle nostre valli, è, come nella più pura tradizione elisabettiana, interpretato da soli uomini. Attraverso pietre, terra, ferro, sangue, maschere, positure di guerriero e residui di antiche civiltà, si veicolano forze primordiali che restituiscono tutta la potenza della tragedia shakespeariana.

quota prevendite on-line disponibile dal 15/10/2019
altre prevendite dal 19/11/2019
per questo spettacolo è attivo il bus-navetta gratuito a/r Brescia-Lumezzane

Mercoledì 4 dicembre ore 20.45
Maria paiato/bertolt brecht/paolo coletta
MADRE COURAGE E I SUOI FIGLI
Produzione SOCIETÀ PER ATTORI – TEATRO METASTASIO DI PRATO
In collaborazione con FONDAZIONE CAMPANIA DEI FESTIVAL – NAPOLI TEATRO FESTIVAL ITALIA
Una delle più grandi attrici italiane di questi anni, torna al pubblico dell’Odeon in uno spettacolo di compagnia che ha debuttato al NapoliTeatroFestival 2019. Una potente riflessione sull’identità femminile, sui ruoli e sui riti sociali (il conflitto, il potere, il commercio) che rimangono e si rinnovano, una nuova versione del capolavoro brechtiano dalle forti componenti musicali, dove parola, corpo e musica si fondono per ritrarre un’umanità che somiglia così tanto al nostro presente.
quota prevendite on-line disponibile dal 15/10/2019
altre prevendite dal 26/11/2019

Domenica 15 dicembre ore 20.45
filippo timi
skianto
Produzione TEATRO FRANCO PARENTI
Una favola amara, un testo spiazzante che mescola rabbia e dolore ad una esilarante ironia. Sul palco un anticonvenzionale, istrionico e intimo Filippo Timi che, in una sarabanda di lampi immaginifici e sferzate emotive, nell’impasto dolce di una favola pop, racconta l’irrefrenabile ricerca di un’identità fuori dalla “handicappitudine”. Il Sole 24 ore: Il suo teatro travalica i confini della stanza. […] L’instancabile forza di un attore che si inabissa anima e corpo visceralmente dentro l’esperienza teatrale. Da vedere. Corriere della Sera: Timi è un attore che sfida le convenzioni, vince le resistenze e convince. È carismatico, istrionico, generoso, autoironico, ambiguo, semplice e complesso. […]. Ma è il sorriso e lo sguardo beffardo — stupito — sul mondo che domina lo Skianto di Timi.
quota prevendite on-line disponibile dal 15/10/2019
altre prevendite dal 03/12/2019
per questo spettacolo è attivo il bus-navetta gratuito a/r Brescia-Lumezzane

Mercoledì 8 gennaio ore 20.45
compagnia Il Mulino di Amleto
platonov
Produzione Elsinor Centro di Produzione Teatrale, Festival delle Colline Torinesi -Torino Creazione Contemporanea / TPE Teatro Piemonte Europa
Una delle giovani compagnie italiane più applaudite di questi anni è protagonista di uno spettacolo sorprendente, un “Cechov” come non lo si vedeva da anni, rutilante di vita, in perenne oscillazione tra commedia e tragedia sempre imminente, dove regna la strenua convinzione in un altrove migliore. Uno stupefacente spettacolo corale dove la regia scegli di concentrare l’azione sul suo nocciolo significativo, ovvero la sostanziale incapacità di vivere di quegli uomini e quelle donne innamorati della vodka e delle proprie illusioni – artistiche, di amore, di carriera – e particolarmente diligenti nel boicottaggio della propria felicità.
quota prevendite on-line disponibile dal 15/10/2019
altre prevendite dal 10/12/2019

Lunedì 3 febbraio ore 20.45
alessandro benvenuti stefano fresi
don chisci@tte
liberamente ispirato a Don Chisciotte della Mancia di Miguel de Cervantes
adattamento e regia Davide Iodice
produzione Arca Azzurra
Una scrittura originale che prende ispirazione dallo spirito dell’opera di Cervantes, scagliando una volta di più la simbologia di questo ‘mito’ contro la nostra contemporaneità. Con vesti sgangheratamente complottiste e una spiritualità naif, accompagnato da un Sancho, che è insieme figlio e disorientato adepto, il nostro Don intraprende un corpo a corpo, disperante e comico contro un mondo sempre più virtuale, spinto a trovare l’origine del male nel sistema che lo detiene. E se, nella giostra di pensieri che galoppano progressivamente verso l’inevitabile delirio, le menti malefiche dei giganti delle multinazionali sono il nemico contro cui scagliarsi, l’Amore è ancora il vento che soffia e muove, anche se Dulcinea, intrappolata in una webcam, può svanire dolorosamente per un banale blackout.
quota prevendite on-line disponibile dal 07/01/2020
altre prevendite dal 21/01/2020
per questo spettacolo è attivo il bus-navetta gratuito a/r Brescia-Lumezzane

Venerdì 21 febbraio ore 20.45
Oblivion
la bibbia riveduta e scorretta
regia di Giorgio Gallione
produzione AGIDI
Un vero e proprio musical comico. Un nuovo irresistibile show che lascia senza fiato, che esplora i più svariati generi musicali, dalla rivista al rap, passando per il gospel e le atmosfere dei grandi musical di Broadway. A supportare il racconto a perdifiato dei più significativi episodi biblici, la multiforme scenografia firmata da Guido Fiorato, che ha curato anche i costumi, un tourbillon di travestimenti esilaranti che consente agli Oblivion di districarsi con versatilità tra i personaggi più disparati. Un trasformismo virtuosistico, rafforzato da effetti visivi quasi illusionistici che trascinano il pubblico in un viaggio strampalato e visionario tra le pagine dell’Antico Testamento e… dell’Età Moderna.
quota prevendite on-line disponibile dal 07/01/2020
altre prevendite dal 11/02/2020
per questo spettacolo è attivo il bus-navetta gratuito a/r Brescia-Lumezzane

Venerdì 13 marzo ore 20.45
mario perrotta paola roscioli massimo recalcati
della madre
produzione Teatro Stabile di Bolzano e La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale
La seconda tappa di una ricerca umana e drammaturgica che coinvolge lo psicoterapeuta Massimo Recalcati che insieme a Mario Perrotta e Paola Roscioli mette sotto la lente di ingrandimento la figura quasi intoccabile della Madre. Una figura che – nonostante l’evoluzione del ruolo degli ultimi decenni – ha mantenuto costante nel tempo una sorta di sacralità e onniscienza che la rende ingiudicabile, al di sopra del bene e del male. Ed è così compresa nel suo ruolo che rischia di diventare soffocante nei confronti dei figli e escludente nei confronti di quei pochi padri che vorrebbero interpretare a pieno titolo il proprio ruolo.

quota prevendite on-line disponibile dal 07/01/2020
altre prevendite dal 03/03/2020

Venerdì 27 marzo 2020 ore 20.45
federico buffa
italia mundial
Produzione IMARTS
Dopo il successo di A Night in Kinshasa, Federico Buffa torna sul palco dell’Odeon assieme al pianista Alessandro Nidi, con una delle sue storie più belle: Italia Mundial (Spagna 1982). L’Italia più amata di sempre vince il Mondiale più bello. I gol di Paolo Rossi, l’urlo di Marco Tardelli, le parate di Dino Zoff, la pipa di Enzo Bearzot, la notte magica del Bernabeu, le braccia al cielo di Sandro Pertini rivivono insieme a un patrimonio di aneddoti e “storie parallele”, quasi sconosciute, che rendono unici gli spettacoli di questo formidabile storyteller.
“I racconti di Buffa hanno una struttura ad albero: il tronco è il calcio, i rami sono le connessioni che via via prendono corpo attraverso associazioni, link, collegamenti, divagazioni. A differenza di alcuni giornalisti sportivi che in passato amavano esibire il loro sapere di fronte a una platea non particolarmente attrezzata, Buffa sa che cultura è innanzitutto fare bene le cose, coltivare i dettagli (magari con alcuni vecchi LP“. Aldo Grasso.
quota prevendite on-line disponibile dal 07/01/2020
altre prevendite da 17/03/2020

Mercoledì 8 aprile 2020 ore 20.45
giacomo poretti
chiedimi se sono di turno
Produzione AGIDI
In ospedale si entra per tre motivi: se uno è ammalato, se si va a trovare un ammalato, oppure se sei particolarmente sfortunato, se ci devi lavorare.
Il protagonista di questo monologo aveva immaginato per sé un avvenire radioso come calciatore, astronauta o avvocato di grido; ma la sorte è a volte sorprendente, bizzarra e quasi sempre misteriosa; così, mentre sta per ricevere il pallone d’oro, apre gli occhi e si ritrova tra le mani una scopa di saggina, che si rivelerà, insieme a un pappagallo, l’amica fidata del suo vorticoso viaggio per tutti i reparti dell’ospedale.
quota prevendite on-line disponibile dal 07/01/2020
altre prevendite dal 31/03/2020

Data da definire
Lumezzane ricorda Giacinto Prandelli
a cura di Roberta Pedrotti
Lumezzane non dimentica il suo figlio più celebre: il tenore Giacinto Prandelli, amato e conosciuto in tutto il mondo. Dopo il successo delle stagioni scorse, torna anche nel 2020 l’appuntamento in onore di uno dei più grandi figli di Lumezzane, in una serata lirica con la direzione artistica di Roberta Pedrotti, musicologa, direttore la rivista L’ape musicale, impegnata nella valorizzazione di giovani talenti del teatro lirico in collaborazione con concorsi di canto fra cui il Città di Bologna, di cui è direttore scientifico.

fuori abbonamento
prevendite dal 31/03

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *