Brescia. “Ma quale famiglia?” è il titolo dell’incontro del prossimo 2 marzo, per il ciclo dei  “Lunedì” organizzati dall’editrice La Scuola, un confronto sul sistema relazionale familiare e i nuovi scenari culturali, politici, economici. L’incontro è per le ore 18, nella sede delle Conferenze dell’editrice La Scuola in via Gramsci 26 a Brescia, tutto dedicato al tema della famiglia.

Moderati dalla giornalista  Anna Della Moretta interverranno Luigi Pati, ordinario di Pedagogia presso la facoltà di Scienze della formazione dell’ Università Cattolica e Giovanna Rossi, ordinario di Sociologia della Famiglia e dei Servizi alla Persona dell’Università Cattolica, nonché direttore del Centro Studi e Ricerche sulla Famiglia dello stesso Ateneo.famiglia 2

L’incontro, in margine all’uscita in libreria del  manuale a più voci coordinato dallo stesso professor Pati “Pedagogia della famiglia” si prefigge di fare il punto sul confronto tra la famiglia e i nuovi e imprevisti che modificano le traiettorie spazio-temporali del suo sviluppo, la comunicazione coniugale e parentale, l’interazione sempre più difficile  al suo interno e con le istituzioni.

La riflessione pedagogica non solo non può ignorare questi cambiamenti, ma, attraverso i propri saperi teorici, euristici ed ermeneutici, deve aiutare la famiglia ad essere sempre una realtà viva, protagonista consapevole delle proprie scelte educative.famiglia 1

Nel corso dell’incontro i due relatori, toccheranno  le varie dimensioni pedagogiche e sociologiche della vita familiare nei suoi aspetti più problematici: il difficile equilibrio nel rapporto lavoro-famiglia, i temi inerenti l’affettività e i conflitti di coppia,  il divorzio, le famiglie monogenitoriali, le migrazioni, in una prospettiva dinamica: l’evoluzione della genitorialità, della coniugalità, delle funzioni materna e paterna, il nuovo ruolo dei nonni. Senza dimenticare le grandi criticità quali la malattia, la presenza di familiari con disabilità o patologie diffuse quali l’Alzheimer e il collegamento con la rete sociale come asilo, scuola, comunità, volontariato, servizi.

 

 

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.