Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. Si già messa in viaggio la rassegna “L’uomo in viaggio” tra le mura, oltre il fossato, al castello di Padernello, un viaggio tra le pieghe dell’animo umano, usando l’intramontabile linguaggio del teatro. “Panta rei”, tutto scorre, diceva il filosofo greco Eraclito, ma forse il senso del muoversi, l’orizzonte da raggiungere è un altro mondo, fisico o metafisico.

Mercoledì 18, giovedì 19 e venerdì 20 settembre alle ore 21 L’associazione culturale “S.R.” presenta al Castello di Padernello La Madòna de la nef con Sergio Mascherpa, per la regia di Giacomo Andrico.

Il testo di Giuseppe Marchetti, altamente drammatico e di forte impatto scenico, rappresenta con crudo realismo, senza cadute di tensione, il delirio di un tossicodipendente negli ultimi momenti della sua vita, e può essere letto come specchio di una disperazione più generale, largamente dilagante nel mondo di oggi, soprattutto in quello giovanile, che ha persi o rischia di perdere obiettivi e valori.

Tale delirio è, nelle parole dell’autore, “un grido composto da parole. Un urlo angosciante, disperato, abissale, fessurato dal desiderio di sfondare la lingua, allo stesso modo in cui, attraverso la droga, vorrebbero sfondare la vita di Gat de marmo e Palanchi, ragazzi di provincia negli anni settanta del secolo scorso, quando la “droga” non era un fenomeno di marketing dettato dalla spinta al consumismo, ma un fenomeno di “indisciplina” collettiva, di rifiuto delle regole, delle normative, della consuetudine, della mancanza di libertà della fabbrica.

Un rifiuto sillabato da un’animalesca voglia di vivere in libertà…”. (G. Marchetti)

Lo spettacolo è inserito nella rassegna de L’uomo in viaggio della Fondazione Castello di Padernello e in Impronte Teatrali e Pressione Bassa, le Stagioni teatrali ospitate in Provincia e frutto della consolidata collaborazione fra il Centro Teatrale Bresciano e il Teatro Laboratorio.

Attore Sergio Mascherpa
Regia Giacomo Andrico
Scena e costumi Rossella Zucchi
Musiche originali Claudio Smussi
Luci Sergio Martinelli
Autore Beppe Marchetti
Produzione Associazione S.R.
Direzione artistica Paolo Peli

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *