Tempo di lettura: 2 minuti

Gardone Riviera, Brescia. Nella cittadina lacustre di Gardone Riviera c’è un museo che raccoglie nelle sale la più significativa raccolta di sculture del “Bambino Gesù”. In questi giorni c’è una nuova mostra collaterale: “le Madonne Vestite” più di 60 statue della Madonna di rara bellezza e grande valore storico-artistico, esposte nelle sale del museo “Il Divino Infante”. Quattro secoli di sfarzo ed eleganza. Preziosi tessuti, pizzi, passamaneria, corone d’argento e monili devozionali di ogni genere, completano questa emozionante presentazione. Il Divino Infante

“Le Madonne vestite” fanno parte di un rito legato alle devozioni popolari, che attraversa i secoli dal Medioevo ai giorni nostri e che interessa buona parte dell’Europa cattolica, particolarmente l’Italia, la Francia e la penisola Iberica e, oltreoceano, l’area latino americana. Il fenomeno, sviluppatosi notevolmente in età barocca, giunge in taluni casi ad esiti decisamente spettacolari, raggiungendo nel Settecento il massimo splendore, preservandosi, con alterne fortune, fino ai nostri giorni.

Il museo Museo realizzato dalla Signora Hiky Mayr, collezionista colta, di origine tedesca, è iniziato quasi per caso, come racconta la stessa Mayr – stavo cercando delle vecchie pentole di rame che mi servivano per creare un addobbo nell’albergo di famiglia “ il Grand Hotel Fasano” e fra queste pentole vidi spuntare due gambette nude, di legno e chiesi a chi appartenessero… Il commerciante rispose. ”Al Bambino Gesù”.

L’immagine era commovente, si trovava in pessime condizioni, sporco, pieno di escoriazioni, privo di alcune dita delle mani e dei piedi, ma una volta recuperato divenne il capostipite della collezione e ora si trova nel Museo”. Hiky Mayr ha dedicato più di trentacinque anni della sua vita alla ricerca, la raccolta ed il restauro delle sculture raffiguranti il Bambino Gesù. Il Divino Infante

Ad oggi il museo vanta più di duecentocinquanta sculture di quattro secoli e documenta attraverso i manufatti esposti, le tecniche, gli usi, l’iconografia legata al tema della scultura a tutto tondo avente per soggetto “Gesù Bambino” e in alcuni casi “Maria Bambina”.

In aggiunta c’è un presepe napoletano d’epoca, che copre circa venticinque metri quadrati ed è sapientemente collocato dalla collezionista in uno spazio che consente al visitatore di entrare dentro la scena. Per Natale si sono aggiunte alla collezione le preziose 60 statue della Madonna vestita.

Tutti i pezzi esposti sono stati oggetto di un minuzioso restauro che ha restituito l’antico splendore alle opere esposte. Il clima è sicuramente legato al Natale, il museo è aperto  da dicembre al 11 gennaio tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle 14.00 alle 18.00.

Gardone Riviera è meta di turismo da tutta Europa, al tempo si offrì come palestra per gli architetti del primo ‘900. Agli edifici di chiaro sapore mitteleuropeo si affianca la variegata rassegna degli stili delle ville private che si rifacevano all’architettura classicistica mediterranea o alla grande tradizione del Rinascimento italiano. Legato alla storia per il Vittoriale dove soggiorno Gabriele d’Annunzio.