Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Borgo San Giacomo, Brescia. Al castello di Padernello un “re” della cucina italiana lo chef Massimo Spigaroli è pronto a servire in tavola una cena regale giovedì 20 luglio alle ore 20.

Le magnifiche sale del castello offriranno ai fortunati ospiti che si riserveranno gli ultimi posti disponibili una cena una cena esclusiva ideata e realizzata dal patron dell’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense.

Ma c’è di più, nelle sere d’estate, a luglio,  Biancamaria Martinengo, rapita dalla magia delle lucciole, si trasforma nella Dama Bianca. Una misteriosa leggenda: un fantasma aleggia per le stanze del Castello di Padernello. È la storia della Dama Bianca. Una figura eterea che ogni dieci anni, il 20 luglio, torna nel suo maniero con in mano un segreto scritto su un libro d’oro alla ricerca di chi la possa ascoltare.

Biancamaria Martinengo, secondo la leggenda, si trasfigura nella Dama Bianca e ritorna, la notte della sua morte, ogni dieci anni, nel salone d’onore del suo Castello vestita di bianco e con in mano un libro dorato aperto contenente il suo segreto. Un segreto che la fa vagare di continuo.

Una cena a tutto tondo nel sortilegio che emana il maniero, gioiello della Bassa bresciana, che da anni è fulcro di cultura, storia e arte di questo lembo di pianura.

Massimo Spigaroli, ambasciatore della cucina italiana, è uno dei più noti e stimati chef per la sua cultura delle tradizioni culinarie imparate sin da bambino nella cucina della zia Emilia, cuoca e icona del Polesine Parmense. Ha insegnato cucina per anni alla Scuola Alberghiera di Salsomaggiore. Ha ottenuto riconoscimenti internazionali, esperienze nei migliori 5 stelle in Italia e all’estero e le partecipazioni a concorsi gastronomici.

Il costo di partecipazione è di 75 €, ancora pochi posti disponibili.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *