Tempo di lettura: 2 minuti

Leno (Brescia) – Mercoledì 7 agosto. Ore 19.00. Scenario disastroso quello che si è presentato a chi nella bassa bresciana, ma non solo, è riuscito finalmente ad uscire di casa dopo che la tormenta ha placato la sua furia.

Erano circa le 17.30 di mercoledì sera quando il cielo si è addensato di cariche nubi nere. Nel giro di qualche minuto si è dovuti correre al riparo perché il tempo non è stato clemente con nulla che si trovasse per strada.. La bufera a più riprese ci ha colpiti fino a notte fonda.

Il bilancio? Alberi distrutti caduti sulle carreggiate, sulle automobili posteggiate o di passaggio, fogne che cedendo hanno trasformato le strade in torrenti tra gli alberi caduti, fili delle linee telefoniche e della corrente elettrica attraversavano strade ad altezza uomo, rendendole impraticabili, raffiche di vento di una forza inaudita, che mai avremmo detto di poter vedere nella pianura padana hanno distrutto colture e divelto tetti, con conseguente traffico in tilt.

Cassa Padana, ha così deciso di scendere in campo a sostegno dei propri territori, messi in ginocchio dal maltempo degli ultimi giorni.

Già lo scorso luglio, sui territori della bassa, ma non solo, si era abbattuto un violento nubifragio, con conseguenze molto simili a quelle che stiamo vedendo in questi giorni.

Alla luce dei gravi danni, l’istituto di credito di Leno ha deciso di stanziare un plafond di 15 milioni di euro a favore di famiglie, privati, aziende, imprese agricole e piccoli operatori economici che hanno necessità di ripristinare i beni e le attività danneggiate dagli eccezionali eventi atmosferici che hanno fortemente colpito il territorio bresciano, ma che stanno interessando anche tutto il nord e centro Italia.

L’erogazione del credito avviene attraverso finanziamenti chirografari della durata massima di 60 mesi a tasso zero.

Viene inoltre offerto, a chi ne farà richiesta, un check up assicurativo gratuito con lo scopo
di individuare i rischi e la portata di eventi dannosi che possono comportare perdite
economiche in una famiglia o in una azienda al fine di tutelarsi con una polizza assicurativa
che consenta di coprire tali rischi.

I finanziamenti sono disponibili per tutte le zone in cui opera la banca: non solo nel bresciano, ma anche nelle aree colpite delle province di Cremona, Mantova, Verona,
Rovigo, Parma, Reggio Emilia e Ferrara.

CONDIVIDI
Roberta Mobini
Nata e cresciuta a Leno. Entro a far parte di Popolis dal primo agosto 2016. Studio Scienze matematiche all'Università Cattolica di Brescia. Estremamente curiosa, le mie passioni sono la lettura, l'attività fisica e soprattutto gli animali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *