Tempo di lettura: 2 minuti

San Daniele Po, Cremona. Alla Cascina Soldi le lancette dell’orologio si sono magicamente fermate al tempo dei cantastorie, degli artisti di strada, d3i burattinai che un tempo si spostavano da osteria a osteria, da cascina in cascina con i loro genuini spettacoli dal vivo.

Mercoledì 17 luglio ore 21.30, presso la Cascina Soldi di San Daniele Po, arriva lo spettacolo di marionette con la Compagnia del Teatro Tages, direttamente dalla Sardegna. A seguire merenda con Salame Cremona IGP e dessert con Barilla. Ingresso gratuito.

Il Teatro Tages presenta: “Manovella circus” – Spettacolo di marionette a filo, di e con Agostino Cacciabue, con musica suonata dal vivo con l’organetto di Barberia. Lo spettacolo è un florilegio, un mosaico composto da momenti di vita del marionettista che si intrecciano con le storie delle sue figure. Sono frammenti di vita. Storie minime, pochi minuti per raccontare emozioni e passioni.

Immagini rapide quanto un’occhiata che si lancia oltre una porta socchiusa, al di là delle vedute di tutti i giorni, alla ricerca di gesti e personaggi che sappiano ancora sorprenderci. Non ci sono parole, ma solo musica. Non ci sono segreti, perché l’animazione è lasciata a vista. Le marionette ballano, soffrono, sperano, ridono, con lo stesso spirito che muove gli esseri umani. Anche per loro, per i pupazzi che calcano il palco, il destino è sempre appeso a un filo. Ma questa volta si vede benissimo dove vada a finire.

La musica dell’organetto è una varietà di organo meccanico, detto anche Organetto di Barberia, dal nome del suo inventore e costruttore, Giovanni Barbieri nel 1703 a Modena.
Il Teatro Tages, o Tagete prende il nome da uno spiritello apparso ad un colono etrusco mentre arava il suo campo. Lo spiritello, ci ricorda i bambini, anche loro sono portatori di esperienze, forse semplici, ma degne di essere raccontate e rispettate perché vissute profondamente e intensamente. Grazie a Otello Sarzi, Sotigui Kouyaté ed Albretch Roser.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *