Tempo di lettura: 4 minuti

Mantova. La leggenda narra che la maga indovina “Manto”, figlia di Tiresia, sedotta dal fascino della terra del Mincio, per fondare la splendida città di Mantova, pose a sua dimora nell’antro del “bűs del gat”, una tana situata sulla riva sinistra del lago di mezzo. S’era fatta stregare anche lei, la maga Manto, dall’incanto delle acque del Mincio che avvolgono in un abbraccio, con l’antica ansa fattasi palude, la città dei Gonzaga, gioiello architettonico senza pari nella grande pianura Padana.IMG_0204

Per tutto il 2016 Mantova sarà la “Capitale Italiana della Cultura”, un anno intero di eventi, arte e percorsi che faranno conoscere in tutto il mondo, la storia, l’arte, la natura e l’enogastronomia della città tesoro della Lombardia. Terra che diede i natali al poeta Virgilio nel 19 a.C. è da sempre luogo vocato all’arte, “Mantua me genuit, Calabri rapuere, tenet nunc Parthenope; cecini pascua rura duces” (Mi ha generato Mantova, il Salento mi rapì la vita, ora Napoli mi conserva; cantai pascoli, campagne, comandanti).

Castello di San Giorgio - Palazzo Ducale
Castello di San Giorgio – Palazzo Ducale

Mantova affascina qualsiasi visitatore, anche il più distratto, è facile farsi stregare appena si approda con qualsiasi mezzo verso la città dall’acqua, dai tre laghi che la proteggono, da dove sembra spuntare come da una leggenda il profilo medioevale.

Luogo unico per tradizione storico-artistica e per il suo straordinario patrimonio architettonico, Mantova inserita, con la vicina Sabbioneta nel casalasco mantovano, nella World Heritage List dell’Unesco nel 2008, confermando la propria vocazione di fulcro della cultura e raro esempio di sintonia con il territorio.

Mantova p. Sordello
Piazza Sordello

– Nel 2016 a Mantova, Capitale Italiana della Cultura, sapremo accogliere, intrattenere, stupire e incantare, attraverso valori culturali legati alla tutela del patrimonio, dell’ambiente e della creatività, un pubblico sempre più vasto – afferma il sindaco Mattia Palazzi – proponendo oltre 1000 eventi da marzo a dicembre 2016. Siamo convinti che chiunque, bambino, giovane o anziano, potrà trovare a Mantova motivo di felicità e appagamento dei propri interessi. Siamo impegnati ad offrire proposte, strutture e servizi sempre migliori e a farlo sapere al mondo.-

Molte le proposte ideate e organizzate anche per il pubblico internazionale alla scoperta delle attrattive culturali, ma anche ambientali ed enogastronomiche, che hanno reso celebre la città nel mondo. Arte, architettura, archeologia, musica, natura, tipicità culinarie: Mantova durante l’anno svelerà attraverso percorsi tematici inediti tutti i suoi tesori.

Mantova palazzo Te
Palazzo Te – Camera di Amore e Psiche – Affresco di Giulio Romano (Particolare)

Dal complesso di palazzo Ducale, una vera “città nella città” che si estende dal castello di San Giorgio a Piazza Sordello e conserva meraviglie come la Camera degli Sposi del Mantegna, a Palazzo Te, villa rinascimentale costruita e decorata da Giulio Romano. Dalla Basilica di Sant’Andrea progettata da Leon Battista Alberti al Teatro Scientifico del Bibiena e alla Basilica Palatina di Santa Barbara. A fine estate l’appuntamento con la XX edizione di festivaletteratura.

Le visite però non si concentreranno solo sui monumenti e le piazze del centro storico: Mantova è anche Parco del Mincio, un’area protetta che circonda la città con tre laghi e sponde verdi da percorrere, riserve naturali e habitat da scoprire con itinerari in barca, in bicicletta o a piedi che permettono di ammirare la flora e la fauna tipica delle zone lacustri e di vedere i borghi rivieraschi che la circondano.

Mantova palazzo Te
Palazzo Te

Altre mete come Sabbioneta e San Benedetto Po completano le proposte di itinerari. Da non perdere anche i percorsi tra cultura ed enogastronomia, per conoscere le tipicità dei prodotti e delle ricette di Mantova, la cui cucina è stata definita “di principi e di popolo”.

Per facilitare l’accoglienza o visitatori potranno acquistare la Mantova card a 20 euro, valida 72 ore, che garantisce l’accesso a 15 musei di Mantova e Sabbioneta, l’utilizzo di bus e bici pubbliche e offerte in ristoranti e hotel. I visitatori potranno inoltre sperimentare, grazie all’app creata appositamente per Mantova Capitale, un’inedita interazione tra mondo fisico e mondo digitale: la Phigital City, tutta da scoprire.

 Aspettando il 20 marzo con il programma completo, ecco alcuni itinerari già in programma: 

1 – Mantova e Sabbioneta, patrimonio dell’umanità dell’Unesco

Le due città rinascimentali con l’impronta dei Gonzaga

Mantova e Sabbioneta, splendori del Rinascimento (1 giorno)

Mantova, Sabbioneta e Castellaro Lagusello (3 giorni)In canoa sul Mincio

2 – Mantova, città d’arte, città di cultura

Oltre duemila anni di storia hanno lasciato testimonianze uniche, dagli etruschi alle opere di artisti come Andrea Mantegna, Giulio Romano e Leon Battista Alberti

Mantova e i suoi tesori (1 o 2 giorni)

Il Percorso del Principe, lo spirito del Rinascimento (1 giorno)

Il centro storico, la città romana e medievale (½ giornata)

Mantova e i borghi più belli d’Italia (3 giorni)

Mantova e il Settecento (1 giorno)

Rivalta Sul Mincio - porticciolo
Rivalta Sul Mincio – porticciolo

Mantova archeologica (2 giorni)

3 – Un viaggio tra la natura

Percorsi a piedi, in bicicletta o sull’acqua alla scoperta dei laghi e della Riserva Naturale Valli del Mincio

Luce di Luna (½ giornata)

Mantova e i laghi (½ giornata)

Terra Acqua e Cielo (1 giorno)

4 – Enogastronomia d’eccellenza

Assaggi e lezioni per conoscere una cucina raffinata, che esalta i prodotti del territorio

Alla tavola dei Gonzaga – City Break con cooking class (2 giorni)

5 – Arte e fede

Un percorso tra basiliche, santuari e reliquie sacre

Edifici religiosi e arte sacra (2 o 3 giorni)

 

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *