Tempo di lettura: 2 minuti

Sirmione, Brescia. Maria Callas e Magnum Photos International intrecciano i propri percorsi per regalare a cittadini e turisti un’indimenticabile esperienza culturale. Un percorso che ridarà vita e voce al mito della Divina Maria Callas e alla magia dell’Oriente della Madama Butterfly di Giacomo Puccini.

Magnum Photos International torna a Sirmione, dopo il successo di “Oltre”, con la mostra fotograficaLa Divina Emozione. Atto primo. Maria Callas è Madama Butterfly”. La nuova esposizione, allestita a Palazzo Callas Exhibitions sino al 31 ottobre, è inserita nel più ampio e complesso progetto di promozione turistica e culturale “Maria Callas 1923-2023”, nato per celebrare il ricorrere dei 100 anni dalla nascita della Divina, con un triennio di eventi, iniziative e spettacoli.

“Va finalmente in scena il primo atto delle mostre, uniche ed originali, programmate da qui al 2023, l’anno in cui tutto il mondo celebrerà il centenario della nascita di Anna Maria Cecilia Sophia Kalogheropoulou, la “nostra” Maria Callas. Sirmione si prepara a svolgere un ruolo da protagonista offrendo un ricco calendario di attività artistiche e culturali, pensate in onore di Maria e realizzate nei luoghi dove Lei ha vissuto gli anni forse più felici della sua vita” così il Sindaco Luisa Lavelli.

Questa prima mostra diventa un’introduzione e, al tempo stesso, un omaggio alla “Divina Maria Callas”. Ispirata e basata sulla “Madama Butterfly” di Giacomo Puccini, presenta immagini del Giappone scattate dai fotografi di Magnum Photos International, la prestigiosa Agenzia che raccoglie alcuni dei più rinomati fotografi a livello mondiale mantenendo inalterati gli ideali di chi la fondò nel 1947.

La particolare scenografia, in cui le fotografie si alternano alle immagini proiettate con il sottofondo musicale di due arie dell’opera, “Vogliatemi bene” e “Un bel dì vedremo”, introduce gli spettatori in un’esperienza teatrale e immersiva. Con “Madama Butterfly” Giacomo Puccini rispose ad un crescente interesse della sua epoca per il mondo dell’Oriente. Tuttavia, pur inserendo elementi risalenti ai costumi e al folklore giapponese, il Maestro dipinse soprattutto un ritratto femminile travolgente per accuratezza e sensibilità. Un dramma d’amore e di attesa che si traduce in un gioco di specchi, legando l’interprete al suo stesso ruolo: Maria Callas è Madama Butterfly.

Japan. Kyoto. Geiko-san waiting outside their Oehaya. 1999.

La mostra proseguirà al di fuori delle mura di Palazzo Callas Exhibitions completandosi con scatti inediti allestiti lungo la passeggiata di via XXV Aprile, Parco Don Lino Zorzi, piazzale Orti Manara, alla Spiaggia del Prete e presso tre Cantine sirmionesi: Azienda agricola Nunzio Ghiraldi, Azienda agricola Pasetto Emilio e Azienda agricola Sgreva, offrendo un prezioso intreccio tra arte, gusto e accoglienza, in grado di donare ancora più valore ad una mostra straordinaria e allo straordinario territorio che la accoglie.

“La Divina Emozione. Atto primo. Maria Callas è Madama Butterfly” diventa così il punto di partenza ideale di questo percorso, ideato e promosso dall’Amministrazione Comunale e patrocinato da Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Consorzio Lago di Garda Lombardia, Comunità del Garda e Garda Musei.