Tempo di lettura: 2 minuti

Cremona. Mario Coppetti ha lasciato questo mondo nell’aprile del 2018 alla veneranda età di 104 anni, subito dopo il 25 aprile a cui l’antifascista e scultore non era mai mancato.

La Società Filodrammatica Cremonese, L’Eco del Popolo, l’A.N.P.I., l’A.N.P.C. e Gli ex dell’Aselli, col patrocinio del Comune di Cremona, lo ricordano venerdì 17 maggio alle ore 17,30 presso la sala Convegni Circolo Filo in piazza Filodrammatici, 2  con una la presentazione del cortometraggio intervista realizzato da Pierluigi Bonfatti Sabbioni: “Coppetti, l’ultimo testimone”.

Ci saranno il saluto di Giorgio Mantovani, presidente della Società Filodrammatica Cremonese, la presentazione del lavoro da parte di Giuseppe Azzoni e il saluto di Silvia Coppetti. Intervengono: Valdo Spini, presidente della Fondazione Rosselli e gli interventi dei rappresentanti delle Associazioni promotrici, del Sindaco e del Presidente della Provincia.

Il sindaco di Cremona Galimberti in quell’aprile lo ricordava con queste parole:E’ morto un riferimento unico, un testimone e un maestro della nostra città e del nostro paese. Ci mancheranno le sue parole, la sua presenza, il suo pensiero, le sue mani sapienti sempre capaci di generare arte. Siamo vicini alla famiglia, tutta la città è vicina in un grande abbraccio.  

Ma in realtà il maestro Coppetti resta tra di noi per sempre: resteranno sempre tra noi la bellezza della sua arte, la sapienza delle sue idee, la forza e il vigore del suo impegno, gli appelli ad una rinnovata educazione civica. I moniti a tenere alti i valori della resistenza, della democrazia, della convivenza civile siano per noi guida e stella polare. La sua fiducia e la sua speranza e il desiderio di bene e di bellezza ci spingono e motivano ad essere fedeli ai valori e agli ideali che il maestro ha incarnato”