Parma. Roberto Frontali sarà a Parma per tenere una masterclass nel Conservatorio di Musica “A. Boito”. Il celebre baritono terrà le lezioni nelle aule del Conservatorio e nell’Auditorium del Carmine. La masterclass, dal titolo “Il rapporto tra parole e musica nella tradizione dell’opera lirica”, è finalizzata al perfezionamento tecnico e interpretativo degli studenti di canto, sia interni che esterni all’Istituto.

Roberto Frontali inizia la sua carriera nel 1986 all’Opera di Roma con Agnese di Hohenstaufen di Spontini e torna l’anno seguente con il Valentino nel Faust. Dopo aver cantato nei principali teatri italiani nel 1992 inizia la carriera internazionale con il debutto al Metropolitan di New York e alla Staatsoper di Vienna, teatri in cui è da allora regolarmente ospite.

Falstaff-Los-Angeles-Opera-2013
Falstaff – Los Angeles Opera 2013

Nel 1993 debutta al Teatro alla Scala di Milano, con Beatrice di Tenda di Bellini. Nel periodo della direzione musicale del maestro Muti, canta diverse volte, sotto la sua guida, Germont nella Traviata e Ford nel Falstaff, diventando un interprete di riferimento nel ruolo. Sempre alla Scala canta Barbiere di Siviglia e Lucia di Lammermoor rispettivamente con il maestro Chailly e con il maestro Roberto Abbado.

Come interprete di Figaro ha calcato le scene dei più prestigiosi teatri e festival del mondo. Dopo una lunga frequentazione del repertorio belcantistico, naturale è stato l’approdo al repertorio romantico e verdiano con Eugene Onegin a Firenze col maestro Bichkov e il Don Carlo a Genova, a Bologna, a Torino, al festival di Santander e alle Chorégies d’Orange.

Successivamente interpreta praticamente tutto il repertorio verdiano, mettendosi in evidenza come Conte di luna, che canta per la prima volta nel 2001 al Metropolitan di New York e Rigoletto che interpreta al teatro Real di Madrid, al Metropolitan di New York, a Roma, Torino e Venezia; Renato nel Ballo in Maschera e Nabucco; Falstaff nel ruolo del titolo che dopo aver debuttato a Francoforte canta a Losanna e Los Angeles con la direzione del maestro Conlon; Simon Boccanegra che canta tra gli altri teatri al Regio di Parma, a Berlino, a Bologna, al Colon di Buenos Aires e recentemente nella tournée del Regio di Torino ad Hong Kong.

Gli ultimi ruoli entrati in repertorio sono Jago nell’Otello e Macbeth, quest’ultimo sotto la direzione del maestro Gatti con cui nel 2015 debutta Golaud nel Pelleas e Melisande al Maggio Musicale Fiorentino. Nel 2010 il suo primo Scarpia che canta successivamente a San Francisco, al Metropolitan di New York, al Covent Garden di Londra, all’Opera di Roma, a Berlino, a Venezia e per ultimo al New National Theatre di Tokyo.

Il successo in questo ruolo lo porta ad affrontare altri ruoli del repertorio pucciniano: Rance nella Fanciulla del West a San Francisco sotto la guida del maestro Luisotti nell’anno del centenario dell’opera e a Palermo con la direzione del maestro Bartoletti; Michele nel Tabarro e Schicchi, che canta a Vienna (TAW) e all’Opera di Roma ottenendo grande successo di critica e di pubblico. Queste esperienze segnano il passaggio ai ruoli del “verismo”.