Tempo di lettura: 2 minuti

Villa Carcina, Val Trompia, Brescia. È intramontabile la passione per il gioco dei mattoncini Lego, ha attraversato tutte le generazioni, non smette mai di crescere e di appassionare.

Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati dei famosi mattoncini sabato 29 e domenica 30 luglio. Un evento organizzato dall’Associazione Mattoncini del Garda in collaborazione con il Comune di Villa Carcina, che si terrà nella bellissima cornice di villa Glisenti. Due giornate interamente dedicate ai famosi mattoncini, in mostra una grande esposizione degli “infiniti” assemblaggi e dei fantastici laboratori per far giocare grandi e piccini. Ingresso libero e laboratori gratuiti.

Lego deriva dall’unione delle parole danesi “leg godt” che significa “gioca bene”, nato dalla mente geniale di un falegname danese, Christiansen, che ha superato le vicissitudini e travagli del suo lavoro, un incendio e la crisi del ‘29, non perdendosi d’animo e reinventandosi una nuova attività: dei mattoncini assemblabili e riutilizzabili a fantasia.

Era il 1947 Christiansen e il figlio Godtfred produssero i primi mattoncini assemblabili in plastica e nel 1949 la società ne iniziò ufficialmente la produzione chiamandoli Automatic Binding Bricks. Questi mattoncini potevano essere montati e smontati e nel 1954 fu dato loro un nuovo nome, “LEGO Mursten” o “LEGO Bricks” (“mattoncini LEGO”).

Incredibile come questo gioco, in realtà semplice, abbia attraversato indenne il secolo delle grandi innovazioni, non solo conservando la passione dei piccoli, ma “assemblando” la passione dei grandi. Da quel tempo la Lego ha prodotto e continua a produrre mattoncini sempre più sofisticati eaperti alla fantasia dei piccoli e grandi.

L’associazione Mattoncini del Garda e formata da un gruppo di genitori uniti da un’unica passione: quella del mattoncino per divertirsi e per far divertire grandi e piccini. Insieme organizzano fantastiche mostre, al motto: l’unione fa la forza! “Mattoncini del Garda” è nata nel 2014 nella città di Salò, con obbiettivo principale è divertirsi insieme, costruendo e lavorando in amicizia, l’associazione crede fermamente nelle potenzialità del famoso mattoncino, come gioco e momento di aggregazione, elevandolo al miglior giocattolo in assoluto.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *