Tempo di lettura: 3 minuti

Maria: “Non posso credere che il mio ULTIMO giorno da liceale è quasi arrivato, l’ultimo giorno da alunna, da adolescente, l’ultimo giorno che prenderò posto al mio banco e alla mia sedia. Mi sembra ieri, quel fatidico settembre 2013, il primo giorno che misi piede in quella scuola, carica di speranze per il futuro; mi sembra ieri che, quando le cose si mettevano male per un compito o per un’interrogazione, mi dicevo “che palle, mancano ancora 4 anni”.. ora mi sento di dire “che palle, è già finita!”
Eh sì, è finito tutto, per davvero. È finita la nostra adolescenza… È finito il tempo del gioco e dello svago. Davanti a noi, ora, c’è un futuro radioso che ci attende… Questo è solamente l’inizio, l’inizio più bello che mai potremo vivere una seconda volta: SPIEGATE LE VELE, SALITE A BORDO… SI PARTE!

Roberto: “Vorrei che il tempo si fermasse, almeno per un po’, vorrei godere appieno le ultime ansie, le ultime pazzie, tutte quelle cose che hanno caratterizzato questi 5 anni.
100 giorni fa non chiedevo miracoli, solamente di vivere il più intensamente possibile quegli ultimi mesi da liceale. E sapete perché? Perché anche se saranno giorni duri, faticosi, in cui sbatterò ripetute volte la testa sui libri per la disperazione, saranno gli ultimi giorni della nostra adolescenza che vivremo intensamente. Gli ultimi giorni nel nostro mondo di certezze, prima di apprestarci a vivere un’altra avventura, nel mondo degli adulti.
Chiedo di vivere ancora nel mio mondo fatto di cazzate giustificate, di inconsapevolezza, senza preoccupazioni, nel mio mondo da liceale dove tutto è lecito perché sei giovane.
Dopo, purtroppo, tutto questo che è iniziato 5 anni fa, lascerà posto al crudo mondo degli adulti, la magia pian piano scomparirà e dovremo fare fronte ad una realtà che non sarà mai come vorremo, una realtà imperfetta dove non saremo protetti ma spogli di ogni tipo di certezza.
Lo so, molto spesso desideriamo che questa tortura finisca al più presto ma pensateci: non ci sarà l’opportunità di rivivere tutto questo per una seconda volta. Quindi, cari ragazzi, facciamoci forza. E se la nostra vita è fatta di memorie, impegniamoci a creare ricordi che porteremo dentro di noi per sempre.

Per i 509.307 studenti chiamati quest’anno ad affrontare la maturità  è arrivato il momento della verità.

La notte prima degli esami è trascorsa e oggi per 25.606 classi e 12.865 commissioni inizia la grande prova.

L’appuntamento di oggi è con la prima prova, il tema di italiano, da svolgere in un tempo massimo di sei ore su quattro tipologie proposte dal Miur: tema storico, tema di attualità, analisi del testo, saggio breve o articolo di giornale.

Si proseguirà giovedì 21 giugno alle 8.30, con la seconda prova, che si svolgerà tra le quattro e le otto ore in base agli indirizzi, sulle materie estratte dal ministero lo scorso gennaio: greco al classico, matematica allo scientifico, lingua straniera 1 al linguistico, economia aziendale per l’indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing degli istituti tecnici, scienza e cultura dell’alimentazione per l’indirizzo Servizi enogastronomia e ospitalità alberghiera, estimo per l’indirizzo Costruzioni, ambiente e territorio, sistemi e reti per l’indirizzo Informatica e telecomunicazioni.

E ancora: progettazione multimediale per l’indirizzo Grafica e comunicazione, lingua inglese per il turistico, meccanica macchine ed energia per l’indirizzo Meccanica, meccatronica, energia, teoria, analisi e composizione al liceo musicale, tecniche della danza al liceo coreutico, discipline artistiche all’artistico.

Dopo una pausa di tre giorni, lunedì 25 giugno alle 8.30 sarà la volta della terza prova, il quizzone giunto quest’anno alla fine della sua breve vita (fu introdotta nel 1997 dall’allora ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer).

Dal prossimo anno la terza prova sarà infatti abolita dagli scritti grazie all’ultima riforma dell’esame, che inserisce, però, il conseguimento di una prova Invalsi nel corso dell’anno scolastico come requisito di ammissione.

Per gli esami orali data e calendario saranno decisi da ciascuna scuola. Si procederà come di consueto in ordine alfabetico partendo dalla lettera sorteggiata nel corso della prima prova.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *